Anno 1°

venerdì, 23 febbraio 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche : lettere alla gazzetta

"Tragedia evitata a Cerreto Laghi"

giovedì, 7 dicembre 2017, 09:45

di lettera firmata

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera di E.M., una cittadina di Massa, che segnala un piccolo episodio che avrebbe potuto trasformarsi in tragedia valutati i rischi connessi al luogo. 

Domenica 3 dicembre mentre passeggiavo nella strada innevata che attraverso il bosco conduce al lago Pranda di Cerreto Laghi, ho scorto un cane che era precipitato nell’acqua ghiacciata dove c’era stato un cedimento, a circa 30 metri dalla riva ed a causa del ghiaccio non riusciva a risalire. Erano stati contattati i numeri di emergenza ed io in particolare ho parlato con i Carabinieri che hanno assicurato un tempestivo intervento. Nessuno dei circa dieci adulti presenti aveva attrezzature adatte al salvataggio ed il padrone vedendo l’animale in grave difficoltà, per salvarlo, a sua volta è caduto nell’acqua gelata. Con grande spavento di tutti è riuscito a risalire sopra il giaccio e tornare a riva. Poco dopo è arrivata l’auto della Squadra Sciistica dei Carabinieri di Collagna seguita dall’ambulanza della Croce Rossa. Immediatamente i Carabinieri hanno gestito la situazione, uno dei due si è imbracato, è strisciato sul ghiaccio nella parte da lui calcolata più spessa, ha afferrato il cane oramai stremato ed entrambi sono stati velocemente tirati a riva dall’altro collega. Sono stati tutti asciugati e riscaldati nell’ambulanza. Vorrei ringraziare pubblicamente l’operato dei tre Carabinieri protagonisti: Il Carabiniere Isidoro Massaro che dal centralino del Comando di Castelnovo ne’ Monti ha ben raccolto la richiesta d’aiuto e coordinato l’intervento richiamando più volte e rassicurandoci, l’Appuntato Nicola Baldassari, Sciatore Soccorritore e l’Appuntato scelto Nicolò Provettini, Sciatore Soccorritore del Soccorso Alpino con Unità Cinofila da valanga assieme al fedele cane Eiger, entrambi in servizio alla Stazione di Collagna e Soccorritori da quasi 10 anni che hanno dimostrato competenza, efficienza, professionalità, velocità e prontezza nel coordinare la scena, grande delicatezza con l’animale soccorso e con la sua famiglia visibilmente scioccata per l’episodio, operando davvero in maniera ineccepibile senza esitazione alcuna.

L’episodio mi ha fatto riflettere sul fatto che nessuna staccionata e nessun cartello limitava ed avvisava dei pericoli del lago. Il limite della riva e l’acqua ghiacciata vicino ad essa, coperte dalla recente nevicata, non erano distinguibili e di conseguenza molto pericolose.

L’operato dei tre Carabinieri, mi ha fatto ancora una volta valutare i rischi ai quali va incontro chi è impegnato nel soccorso, per il bene e la sicurezza dei cittadini che, troppo spesso, non è in alcun modo supportato da adeguate segnalazioni di potenziale pericolo anche in luoghi che vengono recepiti come idilliaci e di ricongiungimento con la natura. Il personale che opera per la sicurezza dei molti turisti accorsi sulle piste da sci in una bella giornata di festa, è stato distolto dal proprio servizio per un’emergenza che poteva e doveva essere evitata con le misure di sicurezza necessarie.

Mi auguro che i responsabili del Parco Nazionale Appennino Tosco Emiliano, vogliano rivedere tutti i percorsi così tanto frequentati dai cittadini ed intervenire quanto prima per mettere in sicurezza le aree potenzialmente pericolose, non solamente segnalando rischi e pericoli. Il turismo e l’ambiente vivono di Tutela e Sicurezza, non di poteva essere.

Grazie ragazzi e buon lavoro davvero!

E.M. una cittadina di Massa (MS)


Questo articolo è stato letto volte.


Franco Mare


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Banca dinamica Carismi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Rubriche


lagazzetta spazio pubblicità


martedì, 20 febbraio 2018, 10:01

"Oggi è il 5 marzo"

Come vivremo dopo il 4 marzo? Andrà tutto molto bene, viste le promesse elettorali. E se non sarà subitissimo, si tratterà di aspettare un pochino, il tempo per fare le riforme garantite da tutti i partiti per il nostro benessere e la nostra felicità.


mercoledì, 14 febbraio 2018, 14:13

Carabinieri senza... fili

Inseguiti, assaliti, pestati, umiliati, derisi e, infine, abbandonati da chi avrebbe dovuto difenderli senza lasciarli soli in mezzo alla strada. A Piacenza il simbolo di uno stato inesistente messo in ginocchio in nome di un antifascismo senza senso e senza storia


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


domenica, 11 febbraio 2018, 23:58

Questa campagna elettorale è una schifezza

Ci sono riusciti. Bravi. Sono riusciti ancora una volta a indignare la maggioranza silenziosa degli italiani. La campagna elettorale – ormai è assodato – è tutta incentrata su fascismo e razzismo. Ed è una bieca operazione elettorale in mancanza di altri argomenti


domenica, 11 febbraio 2018, 10:51

La legge elettorale di cui non si è capito nulla

Siccome nessuno o quasi ha capito nulla di questa legge elettorale, proviamo a spiegarla nel modo più semplice possibile. Si chiama “Rosatellum”, dal nome del capogruppo Pd alla Camera Ettore Rosato. L’hanno votata tutti i partiti


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 6 febbraio 2018, 16:44

"Serve una riforma delle pensioni che possa consentire ai lavoratori di godersi una loro parte di vita sociale lasciando, nel contempo, spazio ai giovani"

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, questa lettere aperta dei pensionati Fenapi di Massa e Carrara ai candidati alle elezioni politiche del 4 marzo


mercoledì, 31 gennaio 2018, 23:58

Vuoi un posto in Parlamento? Paga 30 mila euro

Allora, non crediate che fare il parlamentare sia tutto rose e fiori. E soprattutto che riuscire a ottenere questo benedetto seggio in Parlamento sia gratis. Se eletti, tocca pagare pegno e consegnare al partito una bella cifretta. Il tariffario è stato stilato  dai partiti più grossi, 5 Stelle esclusi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara