Anno 1°

domenica, 17 febbraio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche : cuori in divisa

Gianni Tonelli annuncia lo sciopero della fame: "Basta schiaffi alla democrazia"

mercoledì, 17 gennaio 2018, 22:21

di elena ricci

Diritti calpestati, libertà di espressione lesa, due pesi e due misure. Il tutto fa emergere un rapporto controverso tra i poliziotti e la loro amministrazione. È quanto è stato denunciato e reso pubblico dal Sindacato Autonomo di Polizia, nella persona del suo segretario generale Gianni Tonelli, durante una conferenza stampa tenutasi presso la sala “Caduti di Nassiriya” del Senato della Repubblica, alla quale ha preso parte anche Marisa Grasso, vedova Raciti.

Tutto ha inizio il 23 novembre 2017, giorno in cui Tonelli, denuncia con una lettera aperta indirizzata al capo della Polizia e pubblicata sui giornali, il fatto che un suo strettissimo collaboratore, il prefetto Stefano Gambacurta, abbia prestato la sua immagine istituzionale quale “sigillo di bontà”, in una video presentazione del programma elettorale di un partito, il Movimento Cinque Stelle.

“E’ una cosa gravissima – ha detto Gianni Tonelli – in questo modo ci ritroveremo allora Prefetti, Questori e altre autorità, presentare programmi di partiti?”.

Alla missiva di Tonelli seguì, il giorno successivo, la replica del prefetto Gambacurta che sostenne di non fare campagna elettorale per il Movimento Cinque Stelle.

La denuncia dell’esponente del sindacato non è stata vista di buon occhio, tant’è che lo scorso 18 dicembre, la questura di Bologna (presso la quale Tonelli è in forza) ha notificato allo stesso un procedimento disciplinare che prevede la sospensione dal servizio. Questo perché, a dire della questura, Tonelli avrebbe mosso accuse offensive e lesive “non supportate da prove e che configurano una valutazione puramente soggettiva di fatti che di per sé paiono altamente lesivi della dignità dell’istituzione dell’Amministrazione della P.S., in quanto lesivi dell’onore e della reputazione del vertice stesso”.

Gianni Tonelli non si lascia intimorire: “Vogliono punirmi perché ho detto la verità. Questi provvedimenti dimostrano che è saltato il banco delle regole elementari della democrazia. Questa è una cosa gravissima”.

Per questo motivo Gianni Tonelli ha annunciato lo sciopero della fame. A sostenerlo nella sua battaglia anche Marisa Grasso, vedova Raciti, presente in conferenza stampa, la quale si unirà allo sciopero simbolicamente per qualche giorno, in segno di appoggio e solidarietà.

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Banca dinamica Carismi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Rubriche


lagazzetta spazio pubblicità


domenica, 3 febbraio 2019, 11:01

L’Istituto Salvetti ringrazia per l’ampliamento degli spazi didattici

L’annuncio del consigliere regionale, Giacomo Bugliani, sulla stampa locale ha colto di sorpresa la dirigente scolastica, il direttore di sede, i docenti ed il personale tutto dell’Istituto interessato, ma ancora di più le famiglie e gli allievi dell’Istituto Salvetti


lunedì, 7 gennaio 2019, 15:16

Menconi: "'L'attuale rappresentanza nel Comitato non è rispettosa della figura femminile nel suo ruolo di cittadinanza attiva"

Lettera aperta di Francesca Menconi per la Commissione progetto donna per le Pari Opportunità del Comune di Carrara in merito alla Commissione progetto donna per le Pari Opportunità del Comune di Carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 24 dicembre 2018, 13:15

Recensione Chery A5

Chery Automobile Company Limited è una compagnia di produzione automobilistica fondata in Cina. Questa società è di proprietà del governo cinese ed è stata fondata nel 1997. L'azienda produce un'ampia gamma di auto, tra cui utilitarie, monovolume e SUV. Uno dei modelli fabbricati da questa azienda è la Chery A5


domenica, 23 dicembre 2018, 11:49

Ho lasciato la mia terrà perché...

Vi invitiamo a guardare il trailer del docufilm “Italia addio, non tornerò”, prodotto dalla Fondazione Paolo Cresci per la storia dell’emigrazione italiana e realizzato dalla nostra collaboratrice Barbara Pavarotti.  Lo trovate in alto a destra. Perché vi chiediamo di vedere questo trailer? Perché ci piacerebbe ricevere, via mail, le vostre testimonianze


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 12 dicembre 2018, 12:05

"Orti Urbani, progetto sbagliato per la sua ubicazione"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo intervento di Franco Frediani in merito all'ubicazione del progetto Orti Urbani sul Monte di Pasta


venerdì, 7 dicembre 2018, 15:40

"Grillini incompetenti e bugiardi. I finanziamenti per le scuole sono una cosa seria"

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, la lettera del PSI Carrara in merito ai finanziamenti per le scuole e l'edificio della Giromini


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara