Anno 1°

mercoledì, 18 settembre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche : lettere alla gazzetta

"Il marmo è pane"

martedì, 26 marzo 2019, 14:09

di lega dei cavatori

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, questa lettera della Lega dei cavatori in merito alla sicurezza nelle cave.

Lavorare in sicurezza, questo è lo scopo principale per il quale ci siamo costituiti come Lega del cavatore, lavorare in sicurezza e poter tornare a casa la sera, lavorare per il mantenimento delle proprie famiglie, per il quale si sopporta la fatica, le intemperie, le pressioni dei superiori. Così come per noi cavatori è per tutti i lavoratori di qualsiasi categoria, ognuna con le sue prerogative e peculiarità, ognuna con le sue tribolazioni e fascino con il minimo comune denominatore che le unisce: lavorare per vivere.

Il marmo e' PANE, così dicevano i cavatori a Carrara nei paesi a monte, era una frase di consuetudine perché era quello che ti dava da mangiare, quello che ti garantiva il salario. Tutt'ora lo è! Il settore estrattivo e commerciale del marmo è ancora il volano dell'economia carrarese. Un comparto che da lavoro a circa 700 addetti alla lavorazione al monte ai quali si aggiungono le aziende con i suoi dipendenti al piano (segagione e trasformazione) e un numero assai considerevole costituito dall'indotto quindi trasporto, meccanica, venditori fino ad arrivare al barista che ti vende il caffè la mattina e il pomeriggio quando smonti.

La cultura del marmo e la sua estrazione è volente o dolente la storia della nostra città e ancora oggi è impensabile un economia del territorio priva di essa.

Detto ciò abbiamo timore, a nostro avviso più che fondato, che tutto il comparto possa andare in crisi a causa delle alquanto nebulose normative che regolano i piani di coltivazione in cava. Nello specifico abbiamo la preoccupazione che si possa verificare la perdita di numerosi posti di lavoro, che gli investimenti sulla sicurezza vengano meno, che gli stessi lavoratori in un clima di incertezza e precarietà diffusa si lascino sopraffare dall'omertà e accettino di lavorare in qualsiasi condizione. Il timore e' che si ritorni come in passato ad un escavazione non pianificata alla sola ricerca del materiale pregiato.

Regolamentazione snella e chiara senza smarrirsi nei meandri della burocrazia per poter lavorare in sicurezza valorizzando la pietra ornamentale per la quale tutto il mondo ci conosce.

IL MARMO E' ARTE, IL MARMO E' PANE!

Lega dei Cavatori


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Banca dinamica Carismi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Rubriche


lagazzetta spazio pubblicità


sabato, 14 settembre 2019, 11:54

Tu vorresti avere il diritto di morire?

In occasione delle recenti dichiarazioni del Presidente CEI, tal Cardinale Bassetti, ho deciso di stravolgere la mia rubrica e proporvi una riflessione sul fine vita e l'eutanasia. Niente vieta infatti di considerare la propria morte come una personale scena del crimine


mercoledì, 11 settembre 2019, 21:49

"Pariana, paese comunque abbandonato"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa segnalazione inviataci da un lettore che ha voluto denunciare lo stato di abbandono in cui si trova il paese di Pariana


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


domenica, 8 settembre 2019, 16:06

L'amica di Elisa Pomarelli e Massimo Sebastiani rivela: “Elisa amava le donne”

«Non è mai stata innamorata di lui, lo so per certo, e gliel’ha anche detto chiaro. Gli ha detto che provava interesse solo per le donne». È dalle parole di un'amica dei due che voglio partire per raccontare la storia di Elisa Pomarelli


giovedì, 5 settembre 2019, 14:51

Bossetti: "Io, come Rosa e Olindo". Il commento della criminologa Anna Vagli

Caro direttore, anche se non ti aspetti questo numero, so che capirai. Ma questa mattina il muratore di Mapello ha annunciato insieme ai suoi legali l'uscita di un libro di memorie scritte in carcere


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 4 settembre 2019, 17:02

Parolisi shock: trans e scambisti. Quanto vale la vita di Melania?

"Ho tenuto in serbo la tua ombra. Spero non si sgualcisca. Va cucita, lo faccio io, questo è un lavoro da donna". Sicuramente ciascuno di voi ricorderà la storia di Peter Pan e le sue avventure con l'amica Wendy.


domenica, 1 settembre 2019, 16:04

"Nido Cavalluccio Marino, ci sentiamo abbandonati e trascurati"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera di alcuni genitori del nido Cavalluccio Marino in occasione dell'inizio del nido per i bambini e le bambine del comune di Massa


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara