Anno 1°

giovedì, 20 febbraio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche : lettere alla gazzetta

"Abbattimento pini, riconoscere l’errore può garantire per il futuro"

venerdì, 10 gennaio 2020, 09:11

di comitato per la difesa dei pini

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera del Comitato per la difesa dei pini dopo l'illustrazione dei lavori di rifacimento del marciapiede in Via Giovan Pietro ad Avenza.

"Ci ha fatto molto piacere la lettura di un articolo, sulla stampa locale di dicembre, nel quale un dirigente del Comune illustra i lavori di rifacimento del marciapiede in Via Giovan Pietro ad Avenza. Afferma che, prima di abbattere i pini, sarà eseguita una valutazione della loro salute e stabilità. Capiamo, dunque, che la loro sorte non è già segnata. Ci ha fatto piacere, soprattutto, perché, sebbene non siamo riusciti a salvare i 17 pini di Viale Colombo, sani e vigorosi, forse abbiamo insegnato qualcosa all’amministrazione: e cioè che una pianta la si abbatte solo se malata e pericolosa. Il sacrificio dei “nostri” pini sembra non essere stato invano. Siamo anche moderatamente orgogliosi, considerato che siamo stati dileggiati, oltre che inascoltati. Nel progetto, approvato con Delibera n. 500 del 13 dicembre 2019, si legge, infatti: “Per salvaguardare le alberature di pino esistenti si ritiene necessario effettuare indagini specializzate con prove di trazione per valutare la salute e la stabilità della pianta alla rottura e al ribaltamento. Tale valutazione andrebbe effettuata prima e dopo l’intervento sugli apparati radicali superficiali”.

Una conferma, sia pure indiretta, del nostro ruolo “educativo” ce la fornisce il progetto di fattibilità elaborato dal medesimo geometra e depositato il 19 febbraio 2019, approvato con Delibera di Giunta 162 del 19 aprile 2019, abbandonato per una variazione di bilancio che può destinare all’intervento solo 130.000 euro (a fronte dei 183.000 precedentemente stanziati). In questo progetto precedente, coevo a quello del Viale Colombo, la “attenzione” per le piante non compare, così come non compaiono, coerentemente, le due voci: Attività di consulenza agronomi (5.000 euro) e Rilievi accertamenti indagini- Analisi specialistiche su alberature (5.000 euro). Per inciso: perché non si utilizza il dottore agronomo forestale interno a Nausicaa e si ricorre invece ad un esperto esterno?

Il confronto tra i due progetti ci riserva altre sorprese, ma non vorremmo montarci la testa. In quello di dicembre si precisa che il marciapiede non è vincolato quale bene culturale ai sensi del Codice dei Beni Culturali e del paesaggio per cui non deve essere richiesta specifica autorizzazione alla Sovrintendenza. Giusto. Purtroppo, invece, il Viale Colombo ricade sotto vincolo paesaggistico. Almeno apparentemente, solo la nostra esperienza li ha allertati su questo aspetto. Infatti, la specificazione suona quasi una excusatio non petita (e, dunque, accusatio manifesta). Ebbene: lo prendiamo come un segnale positivo per il futuro.

Vorremmo chiudere con una considerazione tutta interna alla Delibera in oggetto. Ci riferiamo al fatto che, nella descrizione dello stato attuale del marciapiede, compare una dettagliata descrizione delle cause del suo dissesto, attribuito alle “proprietà intrinseche del materiale”: alla fragilità del marmo, alla sua dilatazione termica, alla sua delicatezza e scarsa resistenza, alla scivolosità in caso di pioggia, alla scarsa resistenza al transito (non autorizzato, si specifica!) delle autovetture. “Tutte queste proprietà - si scrive - hanno portato a rotture e fessurazioni estese che pregiudicano la pavimentazione sia dal punto di vista prettamente estetico che da quello funzionale”. Bene. Dopo una tale dettagliata ed esauriente descrizione delle cause del dissesto, come da un cilindro saltano fuori i “poveri” pini, ormai capro espiatorio di qualsiasi problematica e ciò anche quando, palesemente e per stessa ammissione dei loro accusatori, altri sono i responsabili riconosciuti".


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Rubriche


lagazzetta spazio pubblicità


mercoledì, 19 febbraio 2020, 12:54

Sopracciglia sempre in disordine? Ecco la soluzione definitiva

Le sopracciglia sono diventate le vere protagoniste dei trend sul make-up più alla moda. Questo perché sono il punto del volto che più di tutti riesce a dare profondità e ordine allo sguardo


mercoledì, 19 febbraio 2020, 12:48

Cinema e musica, a Massa si lavora per la seconda edizione del Mercurio d'Argento

Il Festival della musica per l’immagine che si è svolto lo scorso agosto a Massa, nel suo primo appuntamento estivo, ha riscosso un incredibile successo di pubblico e critica


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 18 febbraio 2020, 20:48

Lettera aperta di un cittadino in difesa del lago di Porta

Gianluca Giannelli da Montignoso scende in difesa dell’Area Protetta dell’ex Lago di Porta e si augura che altri cittadini dicano la loro dopo le affermazioni del sindaco Gianni Lorenzetti, confortato dal sindaco del Comune di Pietrasanta Alberto Giovannetti in merito alla possibilità di “disseccare“ l’Area Umida dopo le lamentele dei...


martedì, 18 febbraio 2020, 20:01

Lago di Porta, ambientalisti basiti dalle parole di Giovannetti e Lorenzetti

Il WWF non può accettare le dichiarazioni dei due sindaci, di Pietrasanta e di Montignoso, che hanno proposto di fare seccare l'area umida dell'ex Lago di Porta. E ha ragione


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 15 febbraio 2020, 18:08

"La legge sui Beni Estimati è una falsa soluzione"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo intervento a firma di Erich Lucchetti, presidente degli industriali di Massa Carrara, sull'argomento dei beni estimati


giovedì, 13 febbraio 2020, 09:10

"In difesa dell’area protetta dell’ex Lago di Porta"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera aperta di un cittadino di Montignoso, Gianluca Giannelli, in difesa dell'Area Protetta dell'ex Lago di Porta


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara