Anno 1°

venerdì, 17 gennaio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche : lettere alla gazzetta

“Poveri pini”

mercoledì, 15 gennaio 2020, 17:26

di emanuela biso

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera pubblica di Emanuela Biso, vice-presidente Italia Nostra Apuo-Lunigianese L. Biso.

“Poveri pini e poveri tutti gli esseri viventi che non possono difendersi: i bambini, gli anziani, gli animali, le piante. I bambini, salvo casi drammatici, sono amati e coccolati; e poi c’è il telefono azzurro. I vecchi, nella società moderna, vengono spesso considerati un peso e non una risorsa come un tempo (rispettati per la loro saggezza): speriamo non si arrivi ad una legge per sopprimerli (“quante pensioni si risparmierebbero!”). Gli animali non possono difendersi da soli e spesso vengono maltrattati. Per fortuna, sempre più persone e associazioni se ne occupano. Ma gli alberi? Chi difende il diritto alla vita delle piante? Gli alberi ci danno ossigeno per respirare, ombra nelle giornate calde, rifugio per gli uccelli, ci consolano e ci rallegrano con la loro bellezza: il profumo di resina dei pini! Hanno solo virtù. Ma in questi ultimi tempi si sta verificando in tutto il mondo un massacro degli alberi (Amazzonia, Australia), ma anche in Italia: è iniziato in varie Regioni un taglio indiscriminato di alberi. Ci danno la vita e noi li uccidiamo, quindi uccio anche noi stessi. Specialmente i pini sono nel mirino: “sono pericolosi”, “rovinano le strade”, “bisogna abbatterli” perché, purtroppo, l’asfalto e il cemento è ciò che piace agli italiani, salvo poi, incoerentemente, gridare all’inquinamento e sfilare con Greta. I pini sono diventati i nemici numero uno del popolo. In tutta Italia si stanno abbattendo i pini come fossero birilli e si progetta di sostituirli con palme che non fanno parte della nostra storia boschiva (e poi, comunque, ci pensa il punteruolo rosso a ripristinare la verità) o con cespugli di piante più o meno esotiche. In Italia i pini sono sempre stati parte del paesaggio e da sempre piantati vicino al mare nelle zone paludose perché bonificano il terreno. L’ultima strage di pini è avvenuta a Fiumaretta, dove sono stati abbattuti nel periodo natalizio 81 pini che costituivano una bellissima barriera verde al canale lunense. Se alcune piante sono giunte alla fine del loro ciclo vitale, è giusto che vengano abbattute, ma solo dopo una attenta analisi di esperti indipendenti, non al servizio dei politici di turno. Per ogni albero abbattuto bisognerebbe piantarne due. E non alberi caducifoglie perché l’ossigeno è utile anche nei mesi invernali contro l’inquinamento atmosferico. C’è una vecchia credenza secondo cui abbattere un albero porta male: sono solo superstizioni, ma, di sicuro, distruggere la natura è male e la natura in qualche modo si vendica. Soprattutto, distruggere la natura è distruggere noi stessi, perché noi facciamo parte della natura. C’è bisogno di un radicale cambiamento culturale: l’ecologia “superficiale” va sostituita con un’ecologia “profonda”, in cui venga superato il concetto, restrittivo e errato, di “ambiente dell’uomo”, cioè un ambiente concepito quale palcoscenico delle azioni umane. Va superato questo concetto antropocentrico di “ambiente”, sostituito con quello di “ecosistema”, cioè del complesso degli esseri viventi”.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Rubriche


lagazzetta spazio pubblicità


venerdì, 10 gennaio 2020, 14:07

"Ci dissociamo dallo sciopero delle "Sardine" massesi"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera dei rappresentanti d’istituto di Istituto Alberghiero G.Minuto, Liceo G.Pascoli, Liceo E.Fermi e IIS A.Meucci in cui si dissociano dalla manifestazione delle "Sardine" massesi


venerdì, 10 gennaio 2020, 09:11

"Abbattimento pini, riconoscere l’errore può garantire per il futuro"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera del Comitato per la difesa dei pini dopo l'illustrazione dei lavori di rifacimento del marciapiede in Via Giovan Pietro ad Avenza


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 8 gennaio 2020, 13:14

"PS e RU incompleti?"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera aperta delle associazioni ambientaliste locali inviata al sindaco del comune di Massa, all’architetto Venicio Ticciati, all’ingegnere Aldo Ianniello e all’ingegnere Enrico Becattini su predisposizione mappa dei siti di cava e completamento del RU


giovedì, 2 gennaio 2020, 09:15

Omicidio Elena Ceste: tutto quello che non sapete

Ci sono condanne che lasciano non pochi angoli deserti e rendono complicato silenziare i fantasmi del dubbio. Sono le storie che iniziano da una fine o, per meglio dire, da un fine pena mai. La vicenda giudiziaria che torno a raccontarvi è quella di Michele Buoninconti


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 31 dicembre 2020, 18:33

Prosegue con successo la mostra sul Canova

Prosegue con ampio successo di pubblico e della critica la mostra intitolata "Canova - Il viaggio a Carrara" che si tiene presso il CARMI - Museo Carrara e Michelangelo nell'ottocentesca Villa Fabbricotti, in programma fino al 10 giugno 2020


venerdì, 27 dicembre 2019, 10:01

Prosegue con successo la mostra sul Canova

Prosegue con ampio successo di pubblico e della critica la mostra intitolata "Canova - Il viaggio a Carrara" che si tiene presso il CARMI - Museo Carrara e Michelangelo nell'ottocentesca Villa Fabbricotti, in programma fino al 10 giugno 2020


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara