Anno 1°

sabato, 28 marzo 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche : lettere alla gazzetta

Lago di Porta, ambientalisti basiti dalle parole di Giovannetti e Lorenzetti

martedì, 18 febbraio 2020, 20:01

di wwf

Il WWF non può accettare le dichiarazioni dei due sindaci, di Pietrasanta e di Montignoso, che hanno proposto di fare seccare l'area umida dell'ex Lago di Porta:

Il WWF Alta Toscana onlus ha letto con sconcerto, in un articolo di cronaca uscito due giorni fa, le affermazioni del sindaco del Comune di Montignoso Gianni Lorenzetti, confortate dal sindaco di Pietrasanta Alberto Giovannetti: “Si potrebbe pensare in estate di tornare a far seccare il lago”. Parole a nostro avviso fatte uscire in maniera troppo semplicistica senza peraltro averle condivise con quelle associazioni ambientaliste che nell’articolo si dice di voler coinvolgere nel gruppo di lavoro con gli esperti.

Ci sono voluti trent’anni di battaglie in difesa dell’area protetta dell’ex Lago di Porta per ripristinare questa importante zona umida, salvata dai rifiuti e da tentativi di riempimenti e prosciugamenti.

Ricordiamo per dovere di cronaca che a disseccare il Lago di Porta ci aveva già pensato la Soc. Acquatica proprietaria di una buona parte dell’area umida: fu fermata alla fine degli anni 90’ dall’intervento delle Guardie Giurate del WWF che denunciarono i fatti e bloccarono il tentativo di edilizia speculativa per creare attività sportive.

Si parla di un luogo che già dal 1970 era un’Oasi Avifaunistica e dal 1982 un’area Protetta della Regione Toscana, per poi divenire un Sito di Interesse Comunitario anche per la presenza di avifauna protetta e rara come il Tarabusino, così come Ibis e Falchi di palude, solo per citarne alcuni, per non parlare delle migliaia di rondini che utilizzano i canneti come luogo di sosta nelle faticose migrazioni in giro per il Pianeta.

Sempre nello stesso articolo in cui si parla di “seccare il lago” leggiamo che Arpat ha elaborato una relazione che individua nei microrganismi del lago i cattivi odori percepiti dai residenti.

Concordiamo sulla necessità di compiere studi sul lago e se la causa è da ricercare in eventi naturali non potremo che esserne felici, speriamo, comunque, di venire coinvolti quanto prima, insieme alle altre associazioni e comitati, per capire come si è arrivati ad escludere come causa di cattivi odori le altre attività antropiche presenti, tra cui discariche autorizzate e abusive e altri opifici industriali.

Siamo altresì felici che si affronti in maniera scientifica il bilancio idrico di questa area umida così da poter arrivare a regolare nel miglior modo possibile la quantità d’acqua necessaria al lago, ma riteniamo dannoso arrivare a “seccare” il lago sia per la biodiversità che esso ospita che per le importanti funzioni ecosistemiche che svolge.

Le attività delle associazioni in questi anni sono servite ad allontanare il bracconaggio, alcune forme d’inquinamento, le speculazioni edilizie , a migliorare la qualità delle acque, a fare ricerche scientifiche, Educazione Ambientale, a produrre documentari di cui due andati in onda a Geo e Geo , e ultimamente su Bell’Italia di Rai 3 , a portare visite guidate di cittadini e turisti estasiati da un luogo meraviglioso e selvaggio a pochi passi dalla “civiltà“.

Non nascondiamo che queste affermazioni semplicistiche, relative ad una problematica complessa come è la gestione di un’area naturale protetta circondata da attività antropiche, le riteniamo offensive nei confronti dei volontari che hanno dedicato decenni nella difesa del Lago di Porta.

Ci auguriamo che arrivi una rettifica al comunicato e che quanto prima si coinvolgano le associazioni e i comitati per fare tutti i passi necessari per ampliare la protezione ad altre parti importanti dell’area, per il restauro di Casina Mattioli, agognato Centro visita, e per condurre analisi mirate sulle discariche presenti nella zona.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Rubriche


lagazzetta spazio pubblicità


sabato, 28 marzo 2020, 10:01

Giannelli: "Nemmeno la pandemia ferma gli inquinatori: la vergogna del fosso Lavello e del Frigido invaso dalla marmettola"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo un intervento del presidente dell'associazione L'Assiolo sul problema dell'inquinamento che continua a sussistere nonostante la pandemia


venerdì, 27 marzo 2020, 15:36

"Dati Lunigiana ancora allarmanti, occorre cambiare passo"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera aperta al direttore generale dell'Azienda Usl Toscana nord-ovest, dottoressa Maria Letizia Casani, scritta da Cosimo Maria Ferri, in merito ai dati preoccupanti della Lunigiana e della provincia di Massa Carrara per l’emergenza Covid-19


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 26 marzo 2020, 13:06

“Dei remi facemmo ali al folle volo..."

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa testimonianza inviataci da Confartigianato che ha dato vita, in occasione di questa emergenza sanitaria, a una rubrica nella quale i propri iscritti raccontano le proprie esperienze


mercoledì, 25 marzo 2020, 15:05

"Stare a casa, per le donne vittime di violenza, è un dramma nel dramma"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo intervento della portavoce delle donne democratiche di Massa Carrara Claudia Giuliani sul tema della violenza di genere


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 25 marzo 2020, 14:59

"Cronache da uno Stato nemico delle PMI"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo editoriale di un artigiano a cura di Stefano Giannoni, presidente Termoidraulici


lunedì, 23 marzo 2020, 18:15

La trincea dei medici in corsia: effetto Covid-19

23 marzo 2020. Il pensiero oscilla tra le quattro mura, che racchiudono, insieme l’infinito di un prossimo futuro e le ombre del presente. In questo tempo senza più stagioni abbiamo scoperto che il confronto non è verità, ma che quello che sta succedendo attende ancora un domani, che ci troverà...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara