Anno 1°

venerdì, 25 settembre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche

Cosa dovrebbero tenere a mente gli investitori nel Social Trading

lunedì, 9 marzo 2020, 11:36

Il commercio sociale è un modo per rendere pubblico facilmente e senza esperienza. 
Chi non sogna di fare soldi velocemente sul mercato azionario con pochi click del mouse, oltre al lavoro e alla famiglia? Dato che i tassi d'interesse sono scesi drasticamente negli ultimi tempi e che sempre più banche addebitano interessi negativi, le azioni, le valute e le materie prime offrono una soluzione per ottenere un ritorno sugli investimenti al di fuori del settore immobiliare. Tuttavia, dietro a tutto questo si nascondono rischi maggiori, un investimento di successo è un lavoro duro. È proprio qui che entra in gioco il social trading, combinando le transazioni in borsa con i vantaggi dei social network. 

Trading Social

Il principio è molto semplice e si basa sul successo delle principali piattaforme di social media come Facebook. Investitori privati esperti, gestori patrimoniali e media borsistici forniscono portafogli campione come generatori di segnali sulle piattaforme di social trading. Strategia, cifre chiave su rischi, performance e transazioni sono a disposizione degli investitori. Con il supporto di strumenti appropriati, i seguaci possono seguire la strategia dei generatori di segnali e copiarla automaticamente. Si riduce così il rischio di subire perdite dolorose. Gli investitori inesperti prendono decisioni d'investimento migliori e, nel tempo, acquisiscono un'ampia gamma di competenze.

Anche se il concetto è abbastanza promettente, ci sono ancora alcune insidie che si annidano nella pratica. È particolarmente importante controllare la propria avidità. I dispositivi di segnaletica altamente redditizi godono generalmente di grande popolarità sulle piattaforme di social commerce. Tuttavia, ciò è spesso accompagnato da rischi elevati: se i mercati si sviluppano in modo diverso da quanto previsto dagli "esperti", c'è spesso la minaccia di pesanti perdite. I seguaci o "imitatori" devono quindi tenere sempre d'occhio la strategia e soprattutto i dati sui rischi comunicati. Una lunga storia, che comprende anche fasi di salita e discesa nel mercato globale, fornisce una guida preziosa. Gli investitori privati non dovrebbero quindi riposare sugli allori e fidarsi ciecamente del "professionista" quando si tratta di social trading. Occorre piuttosto verificare regolarmente se la strategia funziona ancora nella fase attuale del mercato.

Confronto tra le piattaforme di social commerce

La scelta più ampia possibile di sistemi di scambio adeguati è quindi fondamentale per il successo. A causa delle loro dimensioni, le piattaforme di trading  come BDSwiss presentate su https://www.trading-binario.org/broker-opzioni-binarie/bdswiss/  sono tra le preferite nei paesi europei. La rete ha circa dieci milioni di utenti in oltre 140 paesi. Per non perdere di vista il quadro generale, le diverse strategie possono essere confrontate tra loro con l'aiuto di strumenti. È importante, soprattutto per i nuovi arrivati, investire fin dall'inizio tempo sufficiente nella ricerca. È importante trovare una strategia che corrisponda al vostro gusto personale per il rischio.
La piattaforma incorpora l'idea sociale anche in altri strumenti come il news feed. I trader possono spiegare le decisioni di investimento, fornire informazioni di base e presentare scenari di trading. Inoltre, la gamma di titoli negoziabili come azioni, ETF e molte valute criptate è molto ampia. L'insieme di questi due fattori costituisce la base per un'ampia diversificazione del rischio.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Rubriche


lagazzetta spazio pubblicità


mercoledì, 23 settembre 2020, 10:10

Casinò online: un settore in continua crescita, soprattutto in Sicilia

Il gioco online in Italia è in continua crescita, nonostante non sia ancora al primo posto in classifica come intrattenimento online non è da escludere che presto ci arriverà


martedì, 22 settembre 2020, 15:54

Scuola media Bertagnini, tante magagne

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera inviataci da un genitore che si dice molto preoccupato per le sorti della scuola media Bertagnini alla luce dell'emergenza sanitaria


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 18 settembre 2020, 09:15

Omicidio Maria Pina Sedda: dopo 18 anni il marito chiede la revisione del processo

La storia che sto per raccontarvi accade in terra di Barbagia, ove marcato è il segno della tradizione arcaica e allo stesso tempo contemporanea, prepotentemente misteriosa e incantata come i suoi lunghi silenzi verdi


lunedì, 14 settembre 2020, 18:56

Prima in battello, poi in treno: la mia giornata "fuori porta"

E' una bella domenica di settembre, calda, soleggiata, piena di gente per le strade di Vila Real, e così quasi senza pensare o programmare nulla, decido di regalarmi una giornata fuori porta


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 12 settembre 2020, 16:05

"Inquinamento Brugiano, si effettuino nuove analisi"

Riceviamo e pubblichiamo questo intervento della sezione di Massa di Fridays For Future con un appello rivolto alle istituzioni affinché vengano effettuate nuove analisi nel canale del Brugiano


martedì, 8 settembre 2020, 08:44

La festa della patrona, come tornare indietro nel tempo senza accorgersene

L'altro ieri, sei settembre, si è festeggiata la patrona di Vila Real: nostra Signora della Concezione. Può sembrare una cosa normale, una ricorrenza religiosa, una data scritta in rosso sul calendario e invece no


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara