Anno 1°

lunedì, 6 aprile 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche : editoriale di un artigiano

“Dei remi facemmo ali al folle volo..."

giovedì, 26 marzo 2020, 13:06

di emanuela bondielli

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa testimonianza inviataci da Confartigianato che ha dato vita, in occasione di questa emergenza sanitaria, a una rubrica nella quale i propri iscritti raccontano le proprie esperienze: 

Era il 5 ottobre del 1985. Era autunno, novembre, mese nefasto per i commercianti, era vicino, ma loro erano certe che il lavoro non sarebbe mancato (in fondo gli anni 80 erano gli anni 80!), e così, mia cugina Venezia e mia madre Vittoria decisero di mettere la chiave nella porta che si apriva in un piccolo fondo commerciale, in Via Roma, a Capanne di Montignoso. Il nome? “Parrucchiera VeVi”, acronimo delle due titolari (Venezia e Vittoria). Gli anni passarono tra scelte, gioie, dolori e decisioni. Nel 1985 io era già nata, sono Emanuela e sono l’attuale titolare di quell’attività di famiglia. Nel 2013, quando Venezia, la donna che mi ha insegnato l’amore e la dedizione per questo mestiere, è venuta a mancare, le decisioni da prendere sono state molte e non facili.

La paura di sbagliare mi stava alle calcagna e non mi mollava mai, ma ogni mattina, dopo quel Novembre 2013, ho continuato a mettere la chiave nella porta, che si apriva su quel piccolo negozio di paese, così come avevano fatto le VeVi nel 1985. I mesi passarono, e mia cugina Sara, figlia di Venezia, decise di venire a lavorare con me; mia madre che negli anni 90 aveva lasciato l’attività per motivi di salute, decise di rientrare nel team per aiutarci, insieme la  Chiara, la nostra estetista. E così, non ero più sola! Il posto era sempre quello, ma non era più sufficiente per noi… eravamo tante. Eravamo un team, non ero più sola! Quindi, decisi di proporre al mio staff di fare un passo avanti per allargare i nostri orizzonti, di guardare oltre la siepe.  Acconsentendo, grazie all’aiuto di mio padre, al quale non smetterò mai di dire grazie, abbiamo cercato e trovato un nuovo salone, più adatto alle nostre esigenze. Ma pur soddisfacendo le nostre necessità, non abbiamo mai dimenticato le nostre clienti, alle quali dobbiamo tutto fin da quel lontano 1985. Nulla ci faceva paura. Finalmente arrivò il fatidico giorno: 28 Dicembre 2016, l’apertura di una nuova porta. Ma stavolta era una porta diversa. C’era dietro la luce della speranza, un progetto nuovo. Tutto era pieno di noi e di lei, Venezia, che mi aveva donato tutto l’amore per il mio lavoro. Il tempo trascorre tra alti e bassi. Il lavoro va bene, lo staff si fortifica e gli anni passano. 2017, 2018, 2019. Le tasse, l’IVA, i contributi. Tutto in un vortice di ordinaria follia. Certo non sono più gli anni ’80! È complicato gestire un’attività per una donna trentenne, circondata dall’amore di tutti, ma sola al momento dei conti. Il tempo passa inesorabile e veloce, qualcosa cambia..si sente nell’aria. I testa-testa con il commercialista e il responsabile per la sicurezza. Ogni momento, in ogni movimento, c’è sempre qualcosa da pagare. E vai avanti, tra tagli e bollette, colori e IVA, cerette e tasse, giorno dopo giorno, mese dopo mese, come una ruota che scandisce il tempo. “…e volta nostra poppa nel mattino, dei remi facemmo ali al folle volo”. (XXVI INFERNO, DANTE).

Arriva il 2020.  Una sera, guardando il notiziario apprendo la notizia di un virus sconosciuto.

Allibita, apprendo che fortunatamente è confinato in Cina, lontano dal mio mondo. Ma come la ruota che gira velocemente, questa catastrofe arriva nel nostro paese, con un primo caso in Italia di COVID-19. Ma stavolta, la testardaggine si fa da parte, facendo subentrare il timore di prendere delle decisioni errate. Disposizioni, normative igienico-sanitarie in quei giorni prendono posto alle pieghe, tagli e cerette. “E come è possibile mantenere la distanza di un metro tra me e le clienti?”. E arriva il giorno in cui il cartello alla porta con gli orari di apertura, viene sostituito da uno con frasi molto sofferenti, per chi porta avanti un’attività: “SI AVVISA LA CLIENTELA CHE QUESTO ESERCIZIO CHIUDERA’ DA OGGI FINO A NUOVE DISPOSIZIONI GOVERNTIVE”. E spente le luci del mio amato salone, dando l’ultima occhiata prima di uscire, ho chiuso la porta che per anni ho tanto amato. Porta che non era mai stata chiusa sin dal 1985. Ma se oggi, in quest’ora, in questo tempo presente ci fermiamo per riflettere sulle scelte fatte necessarie per rallentare e fermare il contagio, e questo fa si che la mia e la vostra porta rimangano chiuse ancora per un po' di tempo, sono disposta a credere che non resteremo soli. Ora, oggi, è il momento della razionalità, una delle poche armi che abbiamo a disposizione per combattere questo orrore in questo momento storico.

Un giorno ne verrà scritto nei libri e noi potremo raccontarlo, essendo noi stessi la memoria di questi giorni.

 

 

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Rubriche


lagazzetta spazio pubblicità


domenica, 5 aprile 2020, 18:03

Quando il virus non ha bisogno di bussare alla porta: muore strangolata dal fidanzato

Esistono case che sembrano studiate per rappresentare il palcoscenico della storia, di una storia. Ed esistono storie che iniziano da una fine come quella di Lorena Quaranta. Vittima di un virus che, nel suo caso, non ha avuto nemmeno la necessità di bussare alla porta ma si è palesato nelle...


domenica, 5 aprile 2020, 09:52

Voci, pensieri, riflessioni dei teenagers carraresi sui cambiamenti causati dall’epidemia di Covid 19

Sono quelli rimasti in silenzio: compressi tra la polemica per la mezz’ora d’aria da concedere a bambini e le mille scuse - il cane, il bambino, il jogging, la spesa - inventate dagli adulti per sfuggire a quell’hashtag “iorestoincasa” vantato solo nelle foto dei profili social


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 4 aprile 2020, 14:31

"Ripensare a pratiche che tutelino maggiormente la salute delle donne"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa riflessione di Claudia Giuliani, portavoce donne democratiche Massa Carrara, sull'interruzione di gravidanza ai tempi del Covid-19


sabato, 4 aprile 2020, 10:56

A Massa Carrara ci sono delle giovani speranze del tennis tavolo

L’Apuania Tennistavolo è una società sportiva da tenere sicuramente sott’occhio, poiché potrebbe fornire delle giovani speranze del tennis tavolo per il prossimo futuro


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 2 aprile 2020, 15:25

Suicidi al fronte: non si muore solo di Covid-19

Daniela Trezzi, 34 anni, assegnata alla terapia intensiva dell’ospedale San Gerardo di Monza, si è tolta la vita lo scorso 21 marzo.  Non sappiamo le condizioni in cui versava Daniela certo è che dopo aver scoperto di aver contratto il virus era sprofondata nel timore di aver contagiato altri pazienti


martedì, 31 marzo 2020, 14:31

"Cari soci Anap, solo insieme potremo uscire da questa emergenza"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera del presidente provinciale ANAP - Associazione Nazionale Anziani pensionati Confartigianato - Maria Grazia Bergamo agli associati


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara