Anno 1°

mercoledì, 3 giugno 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche : lettere alla gazzetta

"Per le vittime di violenza domestica, la casa è il posto meno sicuro"

lunedì, 23 marzo 2020, 14:14

di sonia castellini

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo intervento della responsabile di Azzurro Donna (Forza Italia) del comune di Massa, Sonia Castellini, su un tema tanto delicato ed importante che in questi giorni non possiamo dimenticare.

"E’ doveroso, responsabile e certamente sicuro stare a casa in questo momento, ma per le vittime di violenza domestica, la casa è il posto meno sicuro.

Ci sono donne che vorrebbero scappare da casa loro ma non possono o non hanno la forza di farlo; sono vittime non solo dei loro aguzzini ma anche della nostra società sorda, nell’aria c’è paura, la paura ha un odore acre, ha tinte forti, alla paura poi ci si abitua?

Chiediamolo a circa 379 milioni di donne che nel mondo nel 2018 hanno subìto violenze fisiche e/o sessuali da parte del partner, o alle donne dai 16 ai 70 anni (6,78 milioni) che hanno vissuto nel corso della propria vita una qualche forma di violenza fisica o sessuale in Italia, parliamo del 31,5% della popolazione femminile Italiana (dati del 2014).

Sono dati spaventosi che però devono farci riflettere; in queste giornate di silenzio la nostra vicina di casa potrebbe essere in pericolo, siamo il paese degli occhi dietro le serrande, del gossip ad ogni costo, allora il mio invito è quello di ascoltare ora più che mai quando la nostra vicina di casa piange, quando dice “ti prego basta“ quando chiede aiuto, quando chiede scusa…….

In questi giorni di paura per tutti, dobbiamo ricordarci che per le donne vittime di violenza, dividere la casa con chi le maltratta significa rischiare la vita il doppio, se da una parte abbiamo il COVID-19, dall’altra abbiamo un aguzzino che ha le chiavi di casa e che ora sta isolando, sottomettendo, picchiando, annientando una Donna.

Ora più che mai è importante restare uniti, questa pandemia ci ha sbattuto in faccia la realtà: siamo tutti in pericolo, tutti vulnerabili, ci sono donne che in pericolo lo sono da anni e paradossalmente ora possiamo fare qualcosa di concreto: SEGNALIAMO i casi di possibili abusi e violenze, nel momento storico in cui il silenzio si fa assordante, rompiamolo questo silenzio e gridiamo a gran voce NON SEI SOLA".


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Rubriche


lagazzetta spazio pubblicità


martedì, 2 giugno 2020, 10:58

“…tornare a scuola è un esercizio di libertà, prima non me ne rendevo conto…”

Voci, pensieri, riflessioni dei teenagers carraresi sui cambiamenti causati dall’epidemia da Covid-19


lunedì, 1 giugno 2020, 13:10

“…mi piacerebbe tanto tornare a vivere normalmente almeno per un giorno…”

Voci, pensieri, riflessioni dei teenagers carraresi sui cambiamenti causati dall’epidemia da covid 19


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


domenica, 31 maggio 2020, 17:40

2 Giugno: i professionisti dello spettacolo scrivono a Mattarella

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera firmata inviata al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in occasione della Festa nazionale della Repubblica del 2 Giugno, da professioniste e professionisti dello spettacolo sulla loro drammatica situazione


domenica, 31 maggio 2020, 10:42

“La pandemia e la quarantena ci hanno tolto tanto…”

Voci, pensieri, riflessioni dei teenagers carraresi sui cambiamenti causati dall’epidemia da Covid-19


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 30 maggio 2020, 09:20

“…questo tempo perso non si potrà mai recuperare…”

Voci, pensieri, riflessioni dei teenagers carraresi sui cambiamenti causati dall’epidemia da Covid-19


venerdì, 29 maggio 2020, 18:20

“Il virus ci ha tolto la possibilità di stare insieme per il nostro ultimo anno di scuola…”

Voci, pensieri, riflessioni dei teenagers carraresi sui cambiamenti causati dall’epidemia da Covid-19


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara