Anno 1°

domenica, 7 giugno 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche : adolescenti al tempo del coronavirus

“Caro diario, ti racconto la mia quarantena…”

venerdì, 22 maggio 2020, 09:54

A parlare e raccontare che cosa ha significato per loro la pandemia di coronavirus sono gli alunni della classe II° B della scuola media Carducci di Carrara.

Caro diario…Penso che di questo brutto periodo ricorderò il sentimento che sto provando, quel senso di vuoto provocato dalla mancanza della libertà. Io ho la fortuna di essere  libera di decidere dove andare, quando e perché e non esserlo più da un momento all'altro, è orribile. Mi piace ricordare i momenti passati all'aperto, il vento delicato che ti sposta i capelli, il suono del cinguettio degli uccellini, la sabbia sottile sotto i piedi, il rumore calmo delle onde del mare, i raggi del sole che accarezzano la pelle, i tramonti d'inverno con le mille sfumature di colori. Mi manca quel senso di spensieratezza e di tranquillità. Quando i miei nipoti mi chiederanno cosa mi mancava di più durante la quarantena, risponderò: la libertà!  ( Alessia Poletti )

…Per far passare il tempo, guardo dei film, gioco a carte, faccio delle  video chiamate con i miei amici e faccio anche i compiti che mi vengono assegnati dai miei professori. Le giornate passano lentamente; mi rendo conto di com'ero fortunata prima che tutto ciò accadesse e mi manca  la libertà che avevo prima. Anche se la situazione che sto vivendo è completamente diversa, capisco cosa ha provato Anna Frank a stare nascosta per un lungo periodo: lei aveva paura di essere uccisa dai tedeschi, io  temo  di essere colpita da un virus invisibile e talvolta mortale. Spero che tutto passi presto! ( Lucrezia Del Sarto)

… Sono molte le cose che mi mancano: i bei momenti passati a passeggiare  per la città con le mie amiche ogni sabato,  la scuola, la libertà di uscire senza dover indossare  una mascherina e avere il terrore di ammalarmi, di stare male, di non farcela, di non veder più i miei parenti e i miei carissimi amici. Ho anche la paura di essere una portatrice sana e quindi di far ammalare gli altri e mi fa male pensare che chi contrae il coronavirus non possa rivedere per un' ultima volta i propri cari . Negozi chiusi, file lunghissime fuori dai supermercati,  disperazione e caos negli ospedali dove  davvero si rischia la vita. E’ lì che si trovano i veri “soldati”, medici e infermieri che combattono contro questo virus per sconfiggerlo: il nostro futuro è nelle loro mani…  ( Noemi Amato)

…Per me è difficile  restare in casa perché mi piace stare all'aria aperta, andare in piscina e in palestra e poi mangiare il kebab dal mio amico . L'unico modo per uscire è portare a spasso il mio cane Hokly . La quarantena ha imposto la chiusura delle scuole: all'inizio la mia reazione è stata “Urrà!”, però, pensandoci bene, non è così bello, perché i compiti ce li inviano tramite registro elettronico. Mia mamma, detta “Maleficent”, ha detto: -“La mattina studi, il pomeriggio fai quello che vuoi. “. Così posso decidere di giocare alla switch con i miei amici on line, di leggere un libro, di guardare un film,  di fare caos per casa, di giocare con la mamma a giochi di società. La cosa che mi rattrista è avere lontani i nonni, soprattutto il mio nonno Mauro che andavo a trovare tutti i giorni per fargli compagnia e donargli un sorriso . Questa situazione mi tiene lontano anche da mio padre che vive a 55 km di distanza da me, però è divertente salutarlo in video-chiamata soprattutto quando mi mostra le mie galline, i miei anatroccoli e i  miei cani Thor e Youma . Spero che tutto questo finisca presto per riabbracciare i miei familiari e rivivere la mia vita di sempre. P.S. Sto imparando a cucinare… 

( Sergio Angarano )


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Rubriche


lagazzetta spazio pubblicità


sabato, 6 giugno 2020, 18:46

“Grazie ragazzi, siete stati meravigliosi”

Si chiude la rubrica "Adolescenti al tempo del Coronavirus" che ha raccolto voci, pensieri, riflessioni dei teenagers carraresi sui cambiamenti causati dall’epidemia da Covid-19


venerdì, 5 giugno 2020, 18:02

“Stare a scuola è molto più bello…”

Voci, pensieri, riflessioni dei teenagers carraresi sui cambiamenti causati dall’epidemia da covid 19


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 4 giugno 2020, 18:49

Lago di Porta, allarme del comitato dei cittadini contro la discarica

Riceviamo e volentieri pubblichiamo l'intervento sulla situazione del lago di Porta inviatoci dal comitato dei cittadini contro la discarica


giovedì, 4 giugno 2020, 18:24

“Credo che nessuno che abbia vissuto al tempo del coronavirus, potrà mai scordare come ci si sente a stare rinchiusi nelle proprie case per così tanto tempo…”

Voci, pensieri, riflessioni dei teenagers carraresi sui cambiamenti causati dall’epidemia da covid 19


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


mercoledì, 3 giugno 2020, 16:32

“Questa situazione è bruttissima e triste…”

Voci, pensieri, riflessioni dei teenagers carraresi sui cambiamenti causati dall’epidemia da Covid-19


martedì, 2 giugno 2020, 10:58

“…tornare a scuola è un esercizio di libertà, prima non me ne rendevo conto…”

Voci, pensieri, riflessioni dei teenagers carraresi sui cambiamenti causati dall’epidemia da Covid-19


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara