Anno 1°

domenica, 29 novembre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche : whisky&gloria

Addio Kira, noi vivi

mercoledì, 28 ottobre 2020, 09:10

di andrea colombini

Addio Kira, noi vivi citava il titolo di un filmone del 1942 con Giachetti e la Valli. Noi vivi non lo so, addio Kira, per non dire addio Italia, poco, ma sicuro.

Abbiamo lavorato come micci per mettere tutto a norma, secondo i dettami di questi sciamannati scappati di casa. Abbiamo speso, fatto ingrassare le ditte di detergente, plexiglass e termoscanners salvo poi sentirci dire che è stato tutto uno scherzo e i nostri luoghi non sono sicuri. Abbiamo ingrassato lo Shylock di Torino (ah no, ora è in Olanda), lui e le sue merdosissime mascherine. E dove noi stiamo, sono posti NON SICURI?

Partendo dal presupposto che se non sono sicuri ORA, non lo erano quindi anche sei mesi or sono (ah no, era inizio estate: il virus più invisibile del mondo era in vacanza a Ibiza), e allora che catso me li hai fatti spendere a fare i soldi? A che è servita la distanza, il plexiglass, i catsi e i matsi?

Mi sono rotto le terga a) dare lavoro a artisti b) tentare di recuperare un po' di turismo (tanti italiani, qualche straniero) c) recuperare il rapporto con i tour operators d) tenere alto Puccini nella città di Puccini anche nell'epoca più buia per il genere umano, PER POI VEDERE TUTTO SCOMPARIRMI DAVANTI COME NIENTE. Come se non ci fossimo impegnati al 200% per cercare di collaborare, pur non credendo a niente di quello che vediamo.

Risultato: Franceschini, personaggio da film con Gigi e Andrea, ci dice che dobbiamo non solo stare zitti ma essere grati. Se hanno fatto qualcosa PER NOI. Cosa pretendevamo? Che non facessero niente? Siamo zozzi e ingrati, pure.

Si, visto che questa epidemia è la bufala più grande e preclara della storia dell'Umanità. Al pari, come dico sempre, del Mostro di Loch Ness (che però qualche fondamento reale ce l'ha) e altre allegre fandonie con cui si ammansisce e doma il genere umano.

Alcuni presidenti di regione ieri hanno fatto quasi un danno, chiedendo "Ma perché non smettiamo di fare tamponi a chi non ha sintomi"? Crisi nera, gente incazzata. O scemi, se lo facciamo, crolla il castello. La Lorenzin e le case farmaceutiche erano in allarme...

Alcuni medici dicono: "Ma l'influenza, che l'altro anno mieteva vittime, quest'anno è scomparsa o gli avete cambiato nome all'anagrafe?"

Altri medici dicono: "Ma se facciamo 38 vaccini antiinfluenzali ai vecchi di un ospizio, a tutti meno uno, un vecchino che il vaccino antiinfluenzale, a 91 anni, non lo vuole nossignore. E poi facciamo 39 tamponi e 38 sono positivi al Covid e uno - guarda caso, quello del vecchino che ha detto "il vaccino antiinfluenzale mettitelo su per il beep" - no, cosa vuol dire?"

Altri medici dicono: "Abbiamo una laurea e tre specializzazioni e non ci ascoltano: ascoltano un consulente di una casa farmaceutica e un esperto di zanzare. Va bene cosi?"

Ebbene visto quanto sopra, sono arrivato ad una logica - uh, la logica, che dono supremo... - conclusione:

certe cose

a) o si capiscono, e si capisce che 'sta storia è una bufala (ed allora chiediamoci il perché, a livello globale, ce la stanno ammansendo. Io credo che il velo si alzerà il 4 Novembre quando Trump verrà rieletto e Biden verrà abbandonato alla sua incipiente demenza senile conclamata...)

oppure

b) si è totalmente imbecilli e , oltretutto, adesso imbevuti pure di paura. Niente di peggio di un imbecille impaurito.

o anche

c) si è in malafede e si vuole lucrare da questa farsa indecente, di cui in un modo o in un altro, si è complici. Niente di peggio di queste sanguisughe, annidiate nei gangli professioni più alti (certi medici, giornalisti, politici, industriali). Tutti complici, tutti colpevoli.

Niente da fare, delle tre chances, una.

A voi scegliere dove stare. Ma una cosa è certa e vi saluto: PROTESTARE, MANIFESTARE E DISOBBEDIRE CIVILMENTE E' COSA SACRA E DOVUTA. MA LA VIOLENZA NO.

NIENTE VIOLENZA, NIENTE SASSATE O SACCHEGGI, NIENTE ATTI DI FORZA. Specie per rispetto alle forze dell'ordine che sono nella mota quanto noi. No scontri, no sangue.

Fate solo un favore alla controparte.

E soprattutto togliete il lavoro - il Lavoro è una cosa sacra -a tutti quegli agitatori, black blocks, black lives matter, antifa, centri sociali e catsi vari che sono lautamente pagati per fare i disturbatori...

Rifletteteci: e vedrete che arriveremo presto ad un grande risultato.

Stiamo vivendo il momento più importante e cruciale per la storia del genere umano: mi sorprende (ma dovrei accettarlo come una delle realtà apodittiche della vita...) che molti manco se ne accorgono e se ne accorgeranno solo per le conseguenze che rovineranno loro addosso. E presto.

E il partito di Bibbiano, del Forteto e di altri allegri giochini avrà finalmente la pariglia che si merita. Schifosi.

Addio, Italia? Forse no, forse ci salveremo come al solito in zona Cesarini.

Il vostro apocalittico.

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Rubriche


lagazzetta spazio pubblicità


lunedì, 23 novembre 2020, 16:01

Calcio, il carrarese Bernardeschi sogna un Europeo da protagonista in azzurro

È uno dei giocatori italiani più richiesti della prossima sessione di calciomercato. Carrarino doc, cresciuto e formatosi all’ombra delle Alpi Apuane, Federico Bernardeschi con buona probabilità scatenerà una vera e propria asta con l’apertura degli scambi e delle trattative a gennaio


martedì, 17 novembre 2020, 17:02

Che rapporto c'è tra streaming online e casinò digitali?

La bellezza e il brivido che regalano una partita a poker, una mano di blackjack o un giro di roulette sono unici e non riproducibili all’esterno di un casinò


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 16 novembre 2020, 18:56

"Aeroporto, sì alla vocazione turistica"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera indirizzata al sindaco di Massa da parte del comandante Sergio Pieroni sulla ripresa del progetto turistico per la città


venerdì, 13 novembre 2020, 09:44

Morte Guerrina Piscaglia: Padre Graziano espulso dall’ordine religioso

Ci sono delitti che vanno oltre la cronaca e sono destinati a stigmatizzare per sempre la storia di una comunità. La morte di Guerrina Piscaglia è uno di questi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 12 novembre 2020, 14:55

Come internet ha cambiato il mondo dell'intrattenimento

Se solo 15 anni fa qualcuno ci avesse detto che nel 2020 avremmo potuto vedere film, serie TV e sport e giocare ai videogame o al gioco d'azzardo sullo stesso dispositivo mobile, in qualsiasi momento della giornata e in qualsiasi luogo, probabilmente lo avremmo preso per pazzo


martedì, 10 novembre 2020, 17:58

"La targa delle due chiese in piazza Aranci"

Da qualche giorno piazza Aranci può fregiarsi, di nuovo, della targa illustrativa delle due chiese che sorgevano sulla piazza medesima: la Collegiata di San Pietro e l'Oratorio di San Sebastiano


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara