Anno 1°

domenica, 29 novembre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche

Come internet ha cambiato il mondo dell'intrattenimento

giovedì, 12 novembre 2020, 14:55

Se solo 15 anni fa qualcuno ci avesse detto che nel 2020 avremmo potuto vedere film, serie TV e sport e giocare ai videogame o al gioco d'azzardo sullo stesso dispositivo mobile, in qualsiasi momento della giornata e in qualsiasi luogo, probabilmente lo avremmo preso per pazzo. E invece, nell’ultimo decennio abbiamo assistito a una vera e propria rivoluzione digitale che ha cambiato il mondo in cui viviamo e, di conseguenza, sono cambiate anche le nostre abitudini e le nostre esigenze.

 

L’esplosione dello streaming

 

Uno dei settori che ha maggiormente risentito degli enormi cambiamenti operati dal boom tecnologico è stato sicuramente quello dello streaming, con piattaforme come Amazon Prime Video, Netflix, Dazn e Now TV che da tempo fanno registrare dei numeri incredibili, sia in termini di fatturato che di utenti attivi quotidianamente. Quello dell’intrattenimento televisivo, tuttavia, non è stato l’unico mondo a risentire positivamente di questa rivoluzione ancora in atto, ma ci sono anche altri settori che hanno saputo cavalcare l’onda della digitalizzazione. Stiamo parlando dei videogiochi e del gioco d’azzardo che ormai sono due tra i principali comparti economici del nostro paese. Entrambi gli universi si sono adattati alle rinnovate esigenze degli utenti diventando accessibili in ogni momento della giornata. Il passaggio dalle console tradizionali a quelle moderne sempre più potenti e “smart” ha contribuito sensibilmente all’affermazione e alla diffusione dei videogame che solo in Italia generano un indotto vicino ai 10 miliardi di euro. Allo stesso modo anche le agenzie di scommesse hanno adattato la propria offerta al nuovo stile di vita degli utenti, permettendo a questi ultimi di giocare ai casinò online con qualsiasi tipo di device, in ogni momento della giornata e per la durata che preferiscono, stando comodamente seduti sulla poltrona o sul divano di casa.

 

Il futuro è nello streaming

 

Il successo di questo nuovo modo di pensare l’offerta di intrattenimento risiede proprio nell’accessibilità diffusa e nella flessibilità, caratteristiche che i mezzi di intrattenimento tradizionali difficilmente potranno offrire. In tal senso, l’universo televisivo è esemplificativo per raccontare ciò di cui stiamo parlando. Le storiche emittenti nazionali come RAI, Mediaset e La7 sono state costrette a fronteggiare una vera e propria “emorragia” di ascolti causata dall’utilizzo sempre maggiore delle piattaforme di streaming online di cui abbiamo già parlato. E così negli ultimi tempi, dapprima Sky e Mediaset Premium, e ora anche la RAI stanno cercando di mettere in piedi la propria piattaforma di streaming al fine di mettere gli utenti in condizione di usufruire dei propri contenuti in ogni momento della giornata e su ogni dispositivo. Il lavoro fatto in tale direzione è stato significativo e sta iniziando a dare i propri risultati anche e soprattutto tra i più giovani che ormai sono del tutto slegati dal concetto di palinsesto “rigido” delle TV “tradizionali”. A testimoniare che il vento è cambiato si erge la circostanza che vede Amazon Prime Video interessata ad acquisire i diritti del campionato di Serie A per il prossimo triennio e dopo l’esperienza di Dazn c’è enorme interesse nello scoprire quale sarà il livello qualitativo e quantitativo del servizio di streaming offerto dal colosso statunitense.

 

Il mondo dell’intrattenimento è cambiato e sta cambiando tuttora e la sensazione è che questo processo di transizione verso lo streaming e verso il digitale sia solo all’inizio.

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Rubriche


lagazzetta spazio pubblicità


lunedì, 23 novembre 2020, 16:01

Calcio, il carrarese Bernardeschi sogna un Europeo da protagonista in azzurro

È uno dei giocatori italiani più richiesti della prossima sessione di calciomercato. Carrarino doc, cresciuto e formatosi all’ombra delle Alpi Apuane, Federico Bernardeschi con buona probabilità scatenerà una vera e propria asta con l’apertura degli scambi e delle trattative a gennaio


martedì, 17 novembre 2020, 17:02

Che rapporto c'è tra streaming online e casinò digitali?

La bellezza e il brivido che regalano una partita a poker, una mano di blackjack o un giro di roulette sono unici e non riproducibili all’esterno di un casinò


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 16 novembre 2020, 18:56

"Aeroporto, sì alla vocazione turistica"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera indirizzata al sindaco di Massa da parte del comandante Sergio Pieroni sulla ripresa del progetto turistico per la città


venerdì, 13 novembre 2020, 09:44

Morte Guerrina Piscaglia: Padre Graziano espulso dall’ordine religioso

Ci sono delitti che vanno oltre la cronaca e sono destinati a stigmatizzare per sempre la storia di una comunità. La morte di Guerrina Piscaglia è uno di questi


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 10 novembre 2020, 17:58

"La targa delle due chiese in piazza Aranci"

Da qualche giorno piazza Aranci può fregiarsi, di nuovo, della targa illustrativa delle due chiese che sorgevano sulla piazza medesima: la Collegiata di San Pietro e l'Oratorio di San Sebastiano


giovedì, 5 novembre 2020, 13:01

"Ex mercato coperto, perché non farlo rivivere con una sala conferenze?"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera di Franco Frediani che avanza una propria proposta per rivitalizzare l'ala sud dell'ex mercato coperto


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara