Anno VIII

sabato, 17 aprile 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche : lettere alla gazzetta

"Oggi sono diventata giornalista": storia di una... ex bambina che non ha mai smesso di sognare

martedì, 9 marzo 2021, 21:11

di donatella beneventi

Cari lettori della Gazzetta,

oggi vi scrivo in prima persona, eccezionalmente: voglio condividere con voi la mia felicità e un sogno diventato realtà, come nelle favole belle, quelle che leggevo da bambina nella mia cameretta con le pareti verdi di un grigio quartiere di città.

Nasce quasi con me una grande passione, con una curiosità verso il mondo e le persone, che mi piaceva conoscere, sentirle parlare: mi rifugiavo spesso a casa di una mia zia, che aveva tanti giornali e riviste e mi sono innamorata perdutamente degli articoli di Epoca, Panorama, Il Secolo XIX. Avevo tredici anni e scrivevo poesie, piccoli racconti e a scuola, una mia insegnante di italiano mi mandava in giro con altre due compagne a fare le interviste alla gente e io ero elettrizzata.

“Cosa vuoi fare da grande? “La giornalista”, dicevo io, oppure il mondo del turismo, che avevo individuato come seconda opzione, perché ero portata per le lingue straniere: beh, la vita mi ha poi condotto sulla seconda strada, altrettanto appassionatamente, altrettanto intensamente. Mai però avevo dimenticato la bambina dentro di me e per gioco, ho iniziato a presentare libri, perché era la cosa più vicina a quello che era rimasto un desiderio che ormai pensavo di non poter più realizzare.

Finché un giorno, un’amica giornalista, Vinicia Tesconi, posta sul suo profilo che si cercavano apprendisti per la Gazzetta di Massa e Carrara: ammetto che la prima cosa che ho pensato è stata “Ormai sono vecchia”, ma poi mi è venuto in mente che quella gran donna di mia madre non stava rinunciando a sognare nemmeno a 96 anni, quindi, perché io avrei dovuto? Ho conosciuto quello che sarebbe diventato il mio direttore, Aldo Grandi, che come dice il cognome, è grande davvero e al quale devo tutto. Ho iniziato a collaborare poco alla volta, avevo molti impegni di lavoro, ho seguito tutti i suoi consigli e quelli dei colleghi più esperti di me, ho avuto un’opportunità di rinascita, in un momento difficilissimo per me e la possibilità di conoscere tante persone interessanti e di mettermi alla prova in quello che non era più solo il sogno di bambina, ma stava diventando realtà.

Il resto è storia di oggi, con il coronamento di un percorso che, idealmente, è iniziato cinquanta anni fa ; quando ho avuto fra le mani il tesserino con il mio nome, ho visualizzato me stessa per via Cantore, a Genova, con un piccolo block-notes e un registratore: ho pianto di gioia, grazie a tutti, viva la vita. Sempre.

 


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Rubriche


lagazzetta spazio pubblicità


mercoledì, 14 aprile 2021, 21:38

Lago di Porta nel mirino di vandali e amministratori incapaci

Il presidente dell'associazione l'Assiolo invia questa desolante e amara riflessione sulla difficile situazione in cui si trova una delle aree verdi più rilevanti della nostra provincia


martedì, 13 aprile 2021, 10:14

Mugello e quel sogno di riavere i tifosi sulle tribune

In Toscana la MotoGP ha un significato del tutto particolare, vista la presenza di uno dei circuiti più amati, ovvero il Mugello. Un tracciato particolarmente apprezzato da parte dei piloti italiani che, nel corso degli anni, si sono dati battaglia per provare a vincere il Mondiale


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 10 aprile 2021, 13:07

“10 aprile 1945, liberazione di Massa”

Riceviamo e pubblichiamo questa relazione del presidente del consiglio comunale Stefano Benedetti in occasione dell’anniversario della liberazione di Massa (10 aprile 1945):


domenica, 4 aprile 2021, 10:28

Riapre lo Stadio Olimpico per il campionato europeo 2020

In una settimana di mobilitazione per la riapertura delle attività, dei ristoranti e dei bar arriva una notizia importante per il mondo dello sport. Il calcio finora è stato seguito a porte chiuse ma con una campagna vaccinale che cammina è arrivato il permesso tecnico di riaprire lo Stadio Olimpico


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 20 marzo 2021, 13:07

"CoNaMal, grazie vicesindaco per la disponibilità"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo pubblico ringraziamento per la disponibilità di Andrea Cella, vicesindaco del comune di Massa, dimostrata nei confronti dell'associazione CoNaMal nella sua appendice massese de 'In 500 sulla battigia'


sabato, 20 marzo 2021, 08:31

"La violenza sulle donne non è solo fisica"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera di Sonia Castellini, coordinatrice provinciale di 'Azzurro Donna', per portare ancora una volta all’attenzione di tutti che la violenza sulle donne non è solo fisica e che la normalità non è sottomissione, la gelosia non è un sentimento buono, le donne non devono chiedere...


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara