Anno VIII

martedì, 27 luglio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche : lettere alla gazzetta

"Emergenza cinghiali? Colpa di politici e cacciatori"

giovedì, 22 luglio 2021, 09:42

di gabbie vuote

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di Mariangela Corrieri, presidente dell'Associazione Gabbie Vuote ODV Firenze, in merito all'emergenza cinghiali denunciata da Coldiretti:

"Gentili giornalisti
p.c.
politici e amministratori

perchè non scrivete che se i cinghiali sono tanti e tanto confidenti è "merito/demerito" dei cacciatori e dei politici accondiscendenti, non dei cinghiali che  certo non sono venuti in Italia per farsi ammazzare.

Perchè non dite che i cacciatori hanno portato alla quasi estinzione il cinghiale autoctono e, per accontentare il loro orgasmo di morte, hanno importato la specie alloctona dall'est Europa, l'hanno ibridata con i maiali, devastato l'habitat e, con la caccia che si protrae per tutto l'anno, aumentato il numero (vi sembrerà assurdo ma è proprio così basta leggere il libro di Franco Nobile - medico, docente, cacciatore - ) in quanto "la causa principale dei danni all'agricoltura (e, aggiungiamo noi, dell'apparizione tra i rifiuti in periferie cittadine) più che in una eccessiva densità, sta in una cattiva struttura sociale dei branchi, troppo ricchi di soggetti giovani che vengono respinti dagli anziani dominanti....." e questa cattiva struttura sociale deriva dalla caccia che destruttura i gruppi rendendoli più proliici  https://www.gabbievuote.it/caccia-al-cinghiale---relazione.html

Coldiretti calcola, a occhio e, naturalmente, secondo convenienza visto che il noto biologo Luigi Boitani asserisce l'inesistenza di censimenti  scientifici, che i cinghiali "abbiano raggiunto la cifra record di 2.3 milioni di esemplari". 

Si legge anche che "la fauna selvatica è proprietà dello Stato e lo Stato non può creare danni ai privati". Strano, lo Stato regala la sua fauna selvatica ai privati cacciatori e i privati cacciatori possono creare danno ai privati cittadini non cacciatori e contrari (80%) sterminando gli animali (100 milioni ogni anno), distruggendo l'equilibrio biologico, invadendo le proprietà private (art. 842 C.C.), disperdendo piombo veleno potentissimo che l'Italia si era impegnata ad eliminare dalle cartucce entro il 2017 (Conferenza di Quito), ferendo e uccidendo per sport, oltre cento esseri umani ad ogni stagione (Ass. Vittime della Caccia) senza che nessun sussulto di orrore pretenda l'emissione di una legge per omicidio venatorio (come per l'omicidio stradale).....e, soprattutto, che il divertimento alimenti una strage vergognosa che conserva l'impronta della preistoria nel 21mo secolo quando si cammina verso un futuro evoluto e tecnologico.

Dove dimorano il Ministero della Transizione Ecologica, il New Deal Europeo, l'Agenda ONU 2030, le varie Direttive, leggi.... e le tante, purtroppo, "parole, parole parole..." per la salvaguardia dell'ambiente e degli ecosistemi? Forse in un pianeta alieno irraggiungibile?

C'è anche chi scatena la risata dichiarando che "ammazzare i cinghiali è nell'interesse dei cinghiali stessi perchè la natura deve conservare un equilibrio e la sovrappopolazione è un rischio per alcune specie". Come se gli animali fossero un ammasso di carne con un solo cuore, un solo cervello, una sola vita e non singoli individui. Come se loro che sanno rispettare, per propria natura, la legge biologica della capacità portante, assecondassero la legge umana che distrugge gli ecosistemi e poi ragionare su come riequilibrarli con i calcoli matematici. Anzi, con le frottole.

Intanto i cinghiali non sono predatori ma animali erbivori, poi, come ben sappiamo, l'equilibrio della natura è stato rotto ed è continuamente rotto dall'essere umano. Inoltre, affermare che i cinghiali siano contenti di morire terrorizzati, aggrediti dai cani, squartati ancora vivi, per riuscire in quel compito che spetta all'Homo sapiens visto che è il solo colpevole della distruzione del nostro Pianeta, che nel 2050 avrà raggiunto i 10 miliardi di individui (vale anche per lui la legge suddetta?), è ridicolo. A quel qualcuno potrebbe allungarsi il naso.

Per informazione:

  • Gli incidenti stradali in Italia, nel 2019, sono sati 172.183 con 3.173 morti  e 241.384 feriti e nel 2020 - tra gennaio e settembre - i morti sdono stati 1.788 e i feriti 123.061.
  • Gli omicidi nel 2019 in Italia sono stati 315 tra cui 111 femminicidi e nel 2020  sono stati 271 tra cui 112 femminicidi (la Polizia di Stato, in un report del 2019, parla di 88 donne vittime ogni giorno di violenza).
  • Le vittime umane in 110 giorni di caccia, fruibili per ogni cacciatore, della stagione venatoria 2018/2019, sono state 21 morti 59 feriti, nella stagione venatoria 2019/2020  27 morti 68 feriti, nella stagione venatoria 2020/2021 14 morti e 48 feriti.
  • .....
  • L'osservatorio ASAPS (Associazione Amici Polizia Stradale) ha registrato nel 2019 ben 164 incidenti significativi (ossia con vittime o feriti) con il coinvolgimento di animali, 13 i morti. In 141 casi la collisione è avvenuta con un animale selvatico e in 23 con un animale domestico. Nel 2020 sono stati registrati dall'ASAPS 157 incidenti significativi, 138  con un animale selvatico e 19 con un animale domestico.

Sono molte le strategie  per evitare sia il danno all'agricoltura, sia gli incidenti stradali. Non vengono attuate. Si preferisce il danno e, come sempre in Italia, la prevenzione pesa più del risarcimento anche se le vite non si possono risarcire.

Occorre togliere ai cacciatori e loro adepti la gestione della fauna selvatica che, nella storia del nostro Paese, ha provocato solo sangue e morte, disgregazione, inquinamento, illegalità, prepotenza, privilegio di pochi su un patrimonio di tutti.

C'è chi pensa che la caccia sia non solo una barbarie nei confronti di esseri senzienti (ricordiamoci l'art. 13 del TFUE) ma anche conservazione di un esercizio tribale e non in sintonia con la civiltà scientifica, tecnologica, culturale, che crediamo di aver conquistato.

Per tutto quanto sinteticamente espresso, appoggiamo il REFERENDUM per l'abolizione della caccia e dell'Art. 842 C.C., la cui raccolta firme è già iniziata in tutta Italia dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale  https://gabbievuote.it/referendum-caccia.html   e     https://www.radioveg.it/petizioni/il-movimento-ora-e-il-referendum-sulla-caccia/

Grazie per l'attenzione"


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Rubriche


lagazzetta spazio pubblicità


domenica, 25 luglio 2021, 15:26

"Papa Francesco, un cuore innamorato di Dio"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa lettera del collega giornalista Biagio Maimone che elogia la figura dell'attuale papa


mercoledì, 21 luglio 2021, 19:59

Gli aspetti sui quali focalizzarsi per richiedere un preventivo auto

L'RCA è una delle voci che maggiormente incide sul budget delle famiglie italiane, perciò va scelta con grande oculatezza ed attenzione


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 20 luglio 2021, 12:59

Progetto Libreria Solidale Meucci

Noi ragazzi dell'istituto di istruzione superiore "A. Meucci" di Massa, con l'aiuto della professoressa Faita Claudia e insieme alle associazioni "Dal libro alla solidarietà" e "Mura Aperte", che ci ospita nella bellissima cornice del Parco della Rinchiostra, stiamo gestendo il progetto della Libreria Solidale


lunedì, 12 luglio 2021, 20:09

ll calcio unisce ciò che la politica divide

La nazionale azzurra, guidata da Roberto Mancini, vince i campionati europei e gli italiani, da Nord a Sud, si riversano gioiosi nelle vie e nelle piazze della nostra bella Italia, sventolando la bandiera tricolore


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 10 luglio 2021, 12:55

"Noa di Massa, il mio ringraziamento alla sanità pubblica"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo ringraziamento alla sanità pubblica e, in particolare, ai reparti di terapia intensiva e medicina dell'ospedale Noa di Massa, da parte di Gabriele Cisetti


venerdì, 9 luglio 2021, 17:38

I numeri della sfida tra Italia e Inghilterra

Dopo tre settimane ricche di goal, spettacolo ed emozioni, è arrivato il momento della finale di questi Europei e la partita tra Italia e Inghilterra sarà il giusto epilogo di un torneo memorabile


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara