Anno VIII

venerdì, 24 settembre 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche : lettere alla gazzetta

"Afghanistan, la fuga non sarà certamente la resa: la speranza di un dialogo costruttivo"

sabato, 28 agosto 2021, 09:31

di biagio maimone

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo intervento del collega Biagio Maimone sulla delicata situazione in Afghanistan e sul futuro del paese dopo l'arrivo dei talebani:

"Fuggire dall'Afghanistan per molti è stata la scelta necessaria e sofferta. Abbiamo assistito al pianto di chi ha lasciato il proprio amato Paese per non diventare uno schiavo. Le donne e gli uomini in fuga verso terre ospitali inquietano la nostra coscienza perché dimostrano che la barbarie ancora detta le sue leggi.

Tutto il mondo ha terrore di tale nuova barbarie. Essa ci parla di un regresso  storico che è difficile arrestare.

Molti affermano che siano le donne a pagare il prezzo maggiore per l'arrivo dei talebani in Afghanistan. Noi riteniamo, invece, che sia tutta la popolazione in quanto essa viene sottomessa senza pietà alcuna.

E' vero, certamente, che dove vi è sottomissione le donne, per prime,  diventano schiave di pregiudizi, nonché violenza morale e fisica.

Ma è anche vero che la cultura umana e la civiltà vengono violentate ed annientate e che a farne le spese è l'intera popolazione. 

L'Afghanistan lentamente stava procedendo verso forme sempre più evidenti di democrazia.

Pian piano le donne, i bambini e gli  uomini diventavano cittadini, ossia conquistavano lo status di cittadino che implica il godimento di ben definiti diritti. 

Le donne avevano liberato dal velo il loro volto e partecipavano alle attività lavorative al pari degli uomini.

I bambini avevano accesso all'istruzione. Ciò si verificava in un clima divenuto più ospitale e democratico, in cui la religione conviveva con i cittadini, senza sottometterli avendo acquisito quella veste umana che ogni religione non può che far propria. Cosa ne sarà adesso dell'Afghanistan?

Non può essere tutto perduto. Difatti, se è vero che chi è rimasto non ha più voce, è vero che chi è fuggito può ancora parlare e rivolgere, seppur da lontano, ai conquistatori dei loro territori  il proprio messaggio che veicola il proprio  diritto alla libertà e alla civiltà. Chi è fuggito può dire no alla violenza di chi non comprende il valore della democrazia che, nel rendere libero l'essere umano, fa progredire i popoli.Chi è fuggito può chiedere a conquistatori di non essere rudi e violenti, di far vivere i diritti dei cittadini, ossia delle donne, dei bambini e degli uomini, affinché essi possano contribuire allo sviluppo reale del proprio Afghanistan, che amano in quanto ad essi appartiene ed in cui anelano a ritornare e che in esso ritorneranno solo se non saranno trattati come schiavi, se ad essi verrà riconosciuta la propria  dignità e la propria libertà, ossia se essi  saranno considerati cittadine e cittadini, tali in quanto ad essi saranno riconosciuti i diritti fondamentali dell'essere umano".


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Rubriche


lagazzetta spazio pubblicità


mercoledì, 22 settembre 2021, 22:29

Come diverse competizioni sportive hanno affrontato il COVID-19

Quando il COVID ha colpito, all'inizio del 2020, si può dire che ha colto il mondo di sorpresa. Improvvisamente, tutto è cambiato. Quando i contagi hanno cominciato a diffondersi in diversi paesi, il virus è diventato una minaccia molto più concreta di quanto si pensasse inizialmente


domenica, 19 settembre 2021, 23:01

La storia del gioco d’azzardo nelle città toscane medievali

Nell’antichità, come nei giorni moderni, il gioco d’azzardo aveva una sua regolamentazione. Nei comuni toscani l’interesse era molto alto, poiché il gioco ricopriva un ruolo di primo piano nella vita dei toscani


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


martedì, 14 settembre 2021, 11:32

Tante nuove slot online da scoprire

Le vacanze ormai lontane, anche se appena passate, ci lasciano sempre una carica che non vediamo l’ora di riversare sulle nostre passioni: e anche il mondo dei giochi online non fa eccezione


mercoledì, 1 settembre 2021, 01:07

Il futuro delle scommesse tra online e offline

La pandemia ha rivoluzionato diversi settori. Alcuni hanno visto, d’improvviso, sbattersi in faccia il progresso tecnologico, causando non pochi problemi. Altri che, invece, erano abbastanza attrezzati e, quindi, tutto sommato erano più pronti a fronteggiare questi cambiamenti


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


giovedì, 26 agosto 2021, 17:26

"In ricordo di Franco Gussoni, una brava persona"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo ricordo del professor Franco Gussoni, deceduto nel 2018 a soli 69 anni, tracciato da Bruno Giampaoli


giovedì, 26 agosto 2021, 13:50

"La toponomastica è la carta di identità di una città: perché intestare le strade a chi non c'entra nulla?"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa interessante considerazione inviataci da un lettore sulla intestazione di vie e piazze a personaggi più o meno illustri, ma non originari della città


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara