Anno VIII

sabato, 23 ottobre 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Rubriche

La storia del gioco d’azzardo nelle città toscane medievali

domenica, 19 settembre 2021, 23:01

Nell’antichità, come nei giorni moderni, il gioco d’azzardo aveva una sua regolamentazione. Nei comuni toscani l’interesse era molto alto, poiché il gioco ricopriva un ruolo di primo piano nella vita dei toscani. In particolar modo, grazie a fonti legislative e a documenti fiscali, tra il XIII ed il XIV secolo vi fu una particolare attenzione nella regola e nel controllo delle attività ludiche da parte delle autorità civili del tempo.

Questo tipo di regolamentazioni, avrà come conseguenza la creazione dell’istituzione pubblica della baratteria in alcuni comuni, mentre altri comuni opteranno per organizzazioni più informali. La storia del gioco in questa regione appare particolarmente interessante, poiché aiuta gli storici a delineare una specifica caratteristica della società urbana della Toscana tardo-medievale.

Da recenti studi, come la miscellanea presente nei Quaderni Storici firmata da Ilaria Taddei ed intitolata Gioco d'azzardo, ribaldi e baratteria nelle città della toscana tardo-medievale, si denota come tra i vari comuni toscani esistesse una netta differenza tra i giochi detti ludi taxillorum ed i ludi tabularum. I primi erano giochi basati sulla fortuna, mentre i secondi erano giochi considerati di abilità. Da questi studi si denota un certo giudizio morale verso quei giochi diversi dai giochi d’abilità, un giudizio espresso anche da Sant’Antonino. Le autorità civili, insieme a quelle ecclesiastiche erano le prime a condannare il gioco legato alla fortuna, poiché il gioco portava spesso a risse, frodi e bestemmie, altamente disapprovate dalle autorità ecclesiastiche.

In epoca medievale il gioco più in voga era la zara, citata anche da Dante nel VI canto del Purgatorio e praticato ovunque nelle città toscane. Il gioco consisteva nel riuscire ad indovinare la somma dei numeri risultanti dalla combinazione del tiro di tre dadi – detti taxilli, da cui deriverebbe l'espressione ludus taxillorum – lanciati da un barattiere su un banco. Esistevano altresì numerosissimi giochi di fortuna, come la morbiuola, l'aliosso, la minella ecc. a cui nel tempo, probabilmente a partire dal XIV secolo, si affiancarono anche i giochi di carte.

Tutti questi giochi prevedevano che si scommettesse del denaro, e la passione che spingeva i giocatori era tale che ne venivano inventati spesso di nuovi, in modo da non annoiare mai coloro che vi prendevano parte. Al giorno d’oggi risulta difficile riuscire a identificare i singoli giochi e le regole che li contraddistinguevano, ma sappiamo per certo che questo tipo di divertimento, considerato taxillorum, rientrava nel gioco d’azzardo proibito e per questo era mal visto degli statuti comunali medievali toscani. Al contrario erano invece permessi i giochi detti tabularum, dove sempre pedine e dadi erano i protagonisti. Il gioco però era legale purché si praticasse in luoghi aperti, ovvero nelle piazze e nelle strade pubbliche.

Al giorno d’oggi vige più o meno la stessa regolamentazione, anche se le considerazioni pubbliche, civile ed ecclesiastiche si sono ampiamente adattate. Il gioco, come all’epoca, è legale se effettuato pubblicamente, e oggi è possibile persino giocare attraverso piattaforme online certificate, che garantiscono un gioco sicuro e legale. L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli infatti ha creato un’apposita licenza, volta a certificare i migliori casinò online in Italia, che certifica la totale affidabilità e trasparenza di un sito – una garanzia che sicuramente avrebbe fatto comodo anche ai giocatori delle epoche passate.

Infine, oggi come allora sono previste sanzioni pecuniarie qualora il gioco avvenga in luoghi non consoni. A Lucca, per esempio, era severamente vietato giocare all’interno delle taverne, mentre al giorno d’oggi non è raro imbattersi in siti non certificati. Per questo è sempre bene affidarsi unicamente a siti verificati e legali.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara

prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Rubriche


lagazzetta spazio pubblicità


lunedì, 18 ottobre 2021, 22:57

Case di gioco in Italia: legge e regolamentazioni

Ogni Paese del mondo ha un suo complesso e lunghissimo elenco di leggi e regolamentazioni che devono essere seguite alla lettera. Qualora questo non accada ci si può imbattere in sanzioni amministrative o penali piuttosto severe, che variano anche a seconda della gravità dell’illecito commesso


sabato, 9 ottobre 2021, 15:02

Lettera aperta alle Poste: "Aiuola con San Francesco in abbandono, una vergogna"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa simpatica (e polemica) lettera aperta al direttore delle Poste di Massa e alla responsabile Poste alta Toscana, dott.sa Giuseppina Ciullo, scritta da Franco Frediani


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


sabato, 9 ottobre 2021, 09:54

Forex: corsi, strategie e consigli utili per imparare a investire oggi

Tra i tanti mercati a cui i trader possono accedere tramite le piattaforme di negoziazione dei broker c'è anche il mercato valutario, meglio noto come Foreign Exchange Market o, più semplicemente, Forex


venerdì, 8 ottobre 2021, 15:43

Quattro consigli che devi conoscere prima di giocare ai giochi di slot online

Internet è pieno di migliaia di siti web con le migliori slot online nel mondo moderno, infatti, ci sono diversi casinò online che offrono una vasta scelta di giochi di slot


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 8 ottobre 2021, 09:28

Una carrozza per l'Imperatore

Una delle caratteristiche, peculiari e vincenti, della tattica di Napoleone Bonaparte sui campi di battaglia fu la rapidità d’azione e proprio per questo, per suoi viaggi e spostamenti, utilizzava una carrozza accuratamente organizzata


martedì, 5 ottobre 2021, 13:26

I 10 migliori giochi per IOS e Android

Dato che la maggior parte della popolazione globale possiede un dispositivo mobile e vi trascorre gran parte della giornata sopra, gli sviluppatori di videogames hanno pensato che fosse arrivato il momento di affiancare ai giochi da console e pc quelli per smartphone e tablet


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara