Anno XI 
Venerdì 19 Agosto 2022
 - GIORNALE NON VACCINATO
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

Scritto da enrico dolci
Rubriche
27 Luglio 2022

Visite: 161

Riceviamo e pubblichiamo questo intervento del professor Enrico Dolci, già titolare della cattedra di Beni Culturali all’Accademia di Belle Arti di Carrara, in merito all'ex Centro Arti Plastiche:

"Inaugurato come MUDAC  (Museo delle Arti Carrara) due giorni prima del ballottaggio delle ultime elezioni comunali, l’ex Centro Arti Plastiche è figlio di una serie di vicende architettoniche e funzionali a dire poco stravaganti.

Quando il Comune di Carrara, proprietario dell’immobile, decise di fare un centro espositivo in quello che era nato come convento nel XVII secolo per poi passare nel tempo a diverse altre funzioni, si impostò un restauro di tipo conservativo che, come primo atto, mirò a farne una struttura completamente separata dalla chiesa di San Francesco alla quale era unito.

Si chiuse il portale del convento a lato dell’accesso alla chiesa e si progettò un nuovo ingresso sul lato sud utilizzando l’apertura di una delle finestre esistenti. Per fare in modo di poter raggiungere il nuovo ingresso si dovette procedere alla realizzazione di una scoscesa, lunga e disagevole scalinata in ferro addossata al declivio collinare, un tempo occupato da vigne e alberi da frutta.

Con la costruzione di questo accesso “forzoso” all’edificio veniva completamente stravolta la naturale fruizione degli spazi dell’ex convento proponendo un nuovo percorso “contromano” e decisamente innaturale che chiunque può verificare, indipendentemente dalla situazione espositiva.

L’organizzazione degli interni seguì criteri museologicamente sommari e poco pratici. Basti pensare alla sala-caffè sul lato sud: un vano troppo ampio in proporzione al complesso degli spazi espositivi e praticamente rimasto vuoto e inutilizzato ancora oggi.

Nonostante questi evidenti limiti, il CAP offriva ai visitatori una discreta fruizione delle sculture di proprietà comunale sistemate al piano terra: i pezzi delle storiche Biennali di Scultura (1957-1973) e le grandi lastre di “Disegnare il Marmo” (2004-2005). Altre opere acquisite fino al 2010 furono sistemate al piano superiore.

Ora, la nuova sistemazione museale (con un piano terra reso completamente vuoto) sembra fatta apposta per disorientare il visitatore.

Le intenzioni della “direttrice” Barreca, curatrice del nuovo allestimento, sarebbero quelle di adibire l’intero spazio del piano terra ad eventuali mostre temporanee.  Si è creato, così, un affollamento di opere al piano superiore addirittura con sconfinamenti di importanti pezzi di “Disegnare il Marmo” in spazi secondari e non congrui. Ma c’è di più. Alcune delle più importanti sculture delle Biennali Storiche sono state riportate al piano terra all’ultimo momento.

Perché questo ripensamento tardivo?

Semplice: qualcuno si è accorto che il seicentesco piano superiore correva dei rischi per l’eccessivo peso delle opere in marmo ivi ammassate. Pertanto, in fretta e furia, sono stati spostati alcuni pezzi situandoli dove capitava al piano terra.     

L’Uomo Seduto di Giuliano Vangi, ad esempio, giace seminascosto in un angolo di una saletta conferenze.

A Branco Ruzic e a Thaddeus Koper è andata ancora peggio: le loro opere sono finite addirittura all’aperto su un ripiano del declivio con evidente rischio per lo stato di conservazione del marmo.   

Così, sulla spinta della concitazione grillina per un’inaugurazione da fare assolutamente prima delle incombenti elezioni amministrative, si è creato un vero pasticcio museale di cui Carrara non aveva certo bisogno.

Come se tutto ciò non bastasse, la curatrice non ha trovato di meglio che intitolare il “nuovo” museo con lo stesso nome di un noto museo svizzero: il MUDAC di Losanna, acronimo di “Museo del Design e Arte Contemporanea”, una bella struttura nata nel 2000 e recentemente ampliata in una sede realizzata con criteri ultramoderni.

Ora la domanda è: e se gli svizzeri, considerando questa omonimia un plagio, chiedessero i danni al Comune di Carrara?"

Pin It
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

ULTIME NOTIZIE BREVI

Spazio disponibilie

La Società della Salute della Lunigiana ha indetto avviso pubblico con l’obiettivo di pervenire ad una co-progettazione  una progettualità per…

"Esprimo tutta la mia vicinanza e solidarietà alle famiglie, alle aziende e ai comuni toscani attraversati in queste ore…

Spazio disponibilie

"La Toscana devastata dai danni del maltempo piange anche due morti. Sono personalmente vicino alle famiglie delle persone scomparse ed…

L'evento 'Battiato Libero' in programma domani, 19 agosto, alle 21.30 alla Torre di Castruccio di Avenza di cui la Fondazione…

Spazio disponibilie

"Sono vicina ai territori della Toscana colpiti dall'ondata di maltempo, che, con la sua forza improvvisa, ha causato persino, purtroppo,…

Al fine di tutelare l’incolumità della popolazione si rende necessaria la chiusura straordinaria dei parchi pubblici e dei cimiteri cittadini…

La Società della Salute della Lunigiana intende promuovere una selezione, con l’obiettivo di pervenire ad una co-progettazione, al termine della…

Europa Verde, alla vigilia delle elezioni politiche del prossimo 25 settembre, ha approvato il seguente documento.  "I colleghi uninominali…

Spazio disponibilie

"Il violento nubifragio, che si è abbattuto sul nostro territorio questa mattina ha provocato molti danni": per questo Martina…

Emesso aggiornamento allerta codice giallo per rischio idrogeologico e idraulico reticolo minore, e per temporali forti, attualmente in corso, fino…

Spazio disponibilie

RICERCA NEL SITO

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie