lagazzetta spazio pubblicità

Anno 1°

martedì, 22 maggio 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

prenota

Sport

La storia infinita dello Stadio dei Pini va al di là dell'ambito calcistico e interessa un'intera comunità

mercoledì, 17 gennaio 2018, 17:25

di emanuele vigna

“Ogni volta che un bambino prende a calci qualcosa per strada, lì ricomincia la storia del calcio”, sosteneva Borges con malinconica poesia. Ma tale citazione sembra essere stata fraintesa all'interno di questa vicenda, che affonda le proprie radici nel 2013 e si protrae negli anni coinvolgendo una molteplicità di soggetti, pubblici e privati.

È opportuno fare chiarezza e iniziare ad esporre i fatti proprio dal lontano 2013, quando la precedente amministrazione comunale e la società calcistica A.s.d Marina la Portuale stipularono un reciproco accordo: la convenzione prevedeva che la società calcistica si impegnasse a ristrutturate per intero lo Stadio dei Pini, a Marina di Carrara, comprendendo nel progetto un campo sintetico e una tribuna più capiente, dietro contributo annuale della cifra di 24 mila euro da parte del comune di Carrara. La società avrebbe potuto anche usufruire del campo per altri vent'anni a partire da quella data, sviluppando le opportune attività nella rinnovata infrastruttura.

Forte dell'intesa col comune, l’ A.s.d Marina la Portuale si è rivolta all'istituto per il Credito Sportivo, ricevendo una particolare forma di finanziamento dedicata alle società che vogliono costruire, ampliare o ristrutturare impianti sportivi: infatti i profondi risvolti sociali di tali operazioni garantiscono ai beneficiari del prestito particolari agevolazioni. I soci della squadra di calcio, a propria volta, hanno chiesto dei mutui a titolo personale per far fronte al rimborso del finanziamento, in attesa dei soldi del comune.

I lavori di ristrutturazione del campo iniziano a rilento e presto la società a cui era stato affidato l'appalto li interrompe a causa di problemi interni: l'istituto per il credito sportivo cessa di erogare il finanziamento, il comune non versa negli anni neanche una delle rate convenute e lo Stadio dei Pini viene abbandonato definitivamente.

I risvolti sociali di questa situazione sono evidenti a tutti: bambini costretti a cercare altre società dove poter giocare ( in modo da non finire per strada, come diceva Borges), con tutti i disagi connessi per genitori e famiglie. Non si tratta solamente di sport, si parla di aggregazione, di punti di ritrovo per coloro che hanno piacere a vedere la partita, della possibilità di trasmettere regole di convivenza civile ai giovani che frequentano il campo.

 Inoltre la prima squadra, che attualmente milita in Eccellenza, ha trovato ospitalità in un campo ad Aulla, comportando costi aggiuntivi a carico della società.

Ad oggi l'istituto per il credito sportivo sembra aver rivalutato la propria posizione ed essere disposto a rilasciare nuovamente il finanziamento, a patto che il comune provveda a mantenere gli accordi presi nel 2013 e mai revocati ufficialmente.

In questa situazione Fratelli d'Italia si fa portavoce delle famiglie danneggiate da questa situazione e di tutta la comunità e chiede a gran voce al sindaco che siano onorati gli accordi presi in passato, nell'interesse degli appassionati di calcio e non solo. Chiede inoltre che l'amministrazione attuale si informi presso gli uffici comunali competenti su che fine abbiano fatto le rate degli anni passati, mai entrate nelle casse della società sportiva.


Questo articolo è stato letto volte.


esedra-liceo-internazionale


prenota


prenota


Banca dinamica Carismi


Franco Mare


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


Altri articoli in Sport


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


lunedì, 21 maggio 2018, 16:42

Baldini si racconta a La Gazzetta: "E stato un anno straordinario, resto per riprovare a vincere"

Baldini accoglie La Gazzetta di Massa e Carrara alla fine dell'allenamento mattutino. L'intervista si tiene a pranzo, e tra un piatto di riso e una fetta di pane integrale con un ottimo olio siciliano, l'allenatore traccia il bilancio di questa annata


lunedì, 21 maggio 2018, 14:11

Pareggio nella prima finale scudetto dell'Apuania Tennistavolo a Milano

Si è disputata domenica 20 maggio la prima finale che assegnerà lo scudetto a squadre per il tennistavolo, l'USD Apuania Carrara ha ottenuto un pareggiato in trasferta a Milano, in un incontro molto equilibrato, durato quasi quattro ore


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


domenica, 20 maggio 2018, 14:41

Piccolissimi samurai sul tetto d’Italia al Campionato Nazionale di Judo Open AICS

Ottimi piazzamenti per i piccoli atleti, allenati dalla pluricampionessa Eva Prayer Galletti, tesserati all’AS Judo Club di Massa nella sede dell’Istituto delle Figlie di Gesù alle Grazie. La gara, che si è tenuta nei giorni scorsi a Forlì, nell’ambito di “Sportinfiore” al Pala Marabini, ha visto protagonisti i giovanissimi judoka...


domenica, 20 maggio 2018, 13:15

Grande conclusione per il Trofeo "Focacceria 54100", Zambarda la spunta nel finale

Con una cena presso l'ospitale e accogliete locale "Focacceria 54100" di Renato Aldovardi, si è concluso il trofeo che da essa prende nome e vede da regolamento premiare il miglior giocatore della stagione (per le partite interne) della Massese


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara


venerdì, 18 maggio 2018, 16:09

Futsal Massa in vacanza, sconfitta ai quarti di coppa

Il Futsal Massa, dopo aver conseguito la promozione in campionato, è andata con la testa in vacanza, dopo un percorso perfetto infatti è arrivato il primo pareggio e la prima sconfitta del campionato, poi una lunga pausa per far disputare i play-off ai propri avversari e solo dopo il rientro...


giovedì, 17 maggio 2018, 20:23

Duro attacco del presidente Vullo: "Difficile fare sport a Massa"

Non è facile fare sport a Massa, la mancanza di strutture è una carenza che la città si porta dietro da anni, lo stadio comunale, causa una burocrazia ancora non molto chiara, è stato reso agibile solo in parte dai vigili del fuoco


prenota questo spazio su la gazzetta di massa e carrara