Anno XI 
Domenica 26 Maggio 2024
 - GIORNALE NON VACCINATO
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

Scritto da aldo grandi
Ce n'è anche per Cecco a cena
05 Giugno 2023

Visite: 616

Se qualcuno tra voi lettori, più o meno abituali del nostro quotidiano on line, andrà in cerca o penserà di imbattersi, nella giornata di oggi o nelle prossime, di notizie relative a imminenti sbarchi di clandestini accolti con tutti gli onori dal sindaco di Carrara al porto di Carrara, beh, è meglio che lasci perdere: non troverà una sola riga. Abbiamo seguito i primi due arrivi, celebrati nemmeno si trattasse dell'avvento del messia da parte di una amministrazione comunale che si addice bene alla città di Carrara, non al nostro modo di pensare, di agire, di operare, ma quando è troppo è troppo. Che cosa ci sia da festeggiare o da cerimoniare e perdonateci il neologismo, per l'ennesimo sbarco di gente proveniente dai quattro angoli - sempre gli stessi - del globo che angoli non dovrebbe averne, non riusciamo a comprenderlo. Basterebbe guardare come sono ridotte le nostre metropoli e anche solo poter dare una occhiata ai mattinali di questura e carabinieri per accorgersi cosa fanno una buona, buonissima parte di coloro che sono arrivati qui con la nomea di portare, come ebbe a dire Laura Boldrini, un nuovo stile di vita che, presto, sarebbe stato anche il nostro. L'Europa e l'Occidente in generale hanno, ormai, abdicato alle proprie radici, rinunciato alla propria identità, svenduto un patrimonio millenario in cambio di manodopera a basso costo nella speranza e nella fiducia che, con il loro alto tasso di bascita, avrebbero rimpinguato le nostre case e la nostra terra. Che stupidità umana! Arriverà il giorno in cui pagheremo amaramente questa concessione gratuita e senza alcuna condizione. Ave Ida Magli e Oriana Fallaci, purtroppo scomparse e non più in grado di far sentire la propria voce.

L'accoglienza indiscriminata non è né un obbligo né, tantomeno, un dovere come vogliono farci credere i mandarini degli organismi sovranazionali i quali aspirano ad un mondo senza più alcuna identità così da poterlo plasmare a piacimento. L'accoglienza dovrebbe essere una scelta fatta in base a criteri e con tanto di requisiti necessari, invece niente: si accoglie di tutto, musulmani in primis, e non ci rendiamo conto che presto o tardi verranno a chiederci quello che vogliono e che non hanno. E noi dovremmo omaggiare il sindaco di Carrara e tutto il suo codazzo di fiancheggiatori verniciati di rosso o di rosso-fucsia perché saranno in prima, seconda o anche terza fila all'evento? No grazie. Accoglieteli voi, questi clandestini portati in casa nostra senza nemmeno chiedere il permesso a chi, il popolo italiano, avrebbe, solo, il diritto di decidere.

Chi legge la Gazzetta sa che siamo un giornale non vaccinato, alieno dallo schierarsi politicamente, libero di scrivere ciò che pensa a costo anche di querele o provvedimenti disciplinari per i quali, ormai, abbiamo toccato quote da record. Non possono costringerci a pensarla diversamente da ciò in cui crediamo e di cui siamo, fermamente, convinti. Qui sta la differenza tra l'avere una opinione - ce l'hanno tutti - e una convinzione. E' lo spessore che l'accompagna che fa la differenza.

Non vaccinati contro il Covid, ma curati da uno straordinario medico sospeso abitante e operante, proprio, in provincia di Massa Carrara, noi che viviamo a Lucca. E come noi, anche una donna di 97 anni, madre di chi scrive, che è stata positiva per ben due volte, ma seguendo le indicazioni e le medicine fornite da questo medico, ora sta benissimo e non ha avuto alcuna conseguenza. Ma vaccinati anche contro la paura di pensarla diversamente da tutti gli altri e di comportarsi di conseguenza.

Questo mondo, cosiddetto libero, democratico e accogliente, non ci piace così com'è. E non siamo nostalgici, ma convinti che se vogliamo andare avanti dobbiamo avere il coraggio di guardare indietro.

Questo, cari lettori, pochi o tanti che siete, è il messaggio che mandiamo spiegando perché non siamo né saremp mai più ad accogliere clandestini al porto di Carrara così come in qualsiasi porto d'Italia.

Pin It
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

ULTIME NOTIZIE BREVI

Spazio disponibilie

A conclusione dell'anno scolastico il Museo Dioceano di Massa inaugurerà sabato 25 maggio - ore 17:30 -  la mostra Sguardi della natura. Un…

Due selezioni per stilare altrettante graduatorie. Serviranno per individuare tre cuochi/e e tre conducenti di scuolabus

Spazio disponibilie

La circolazione veicolare viene interrotta lungo la SP 58 di Ugliancaldo, all'altezza del ponte al chilometro 3,200…

Venerdì 24 maggio, il presidente di Democrazia Sovrana Popolare Francesco Toscano, presenterà alla stampa la lista per le prossime elezioni…

Spazio disponibilie

Sabato 25 maggio alle ore 10 inizierà una mattinata di giochi con Red Glove alla libreria Nova Avventura.

In occasione dei 40 anni della celebre rivista mensile Gardenia, il circolo Leonardo di Borgo del Ponte a…

È stata riaperta questa mattina, 22 maggio 2024, la Strada Provinciale 72 di Fosdinovo: la circolazione era…

Per l’ultimo incontro con il ciclo di conferenze “I Giovedì del CARMI. Incontri d’arte”, giovedì 23 maggio, è…

Spazio disponibilie

Si comunica che nella mattinata di  lunedì 20 maggio è stata indetta un’assemblea sindacale dalle ore 10.30 alle …

A partire da lunedì 20 maggio 2024 iniziano i lavori di rifacimento dell'asfalto lungo la Strada Provinciale 31 della…

Spazio disponibilie

RICERCA NEL SITO

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie