Anno XI 
Giovedì 29 Febbraio 2024
 - GIORNALE NON VACCINATO
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

Scritto da carmela federico
Politica
09 Febbraio 2024

Visite: 308

Negli ultimi tempi, cresce sempre più il senso di sfiducia dei giovani nei riguardi di questa fondamentale istituzione, sia sul piano culturale che sociale.
Quante volte abbiamo sentito un adulto dire che i "giovani sono pigri, distaccati, lontani" ovvero che "i telefonini li stanno rovinando"... Beh, forse tali affermazioni potrebbero non essere così infondate.
 Ecco il contesto che caratterizza proprio il rapporto tra il mondo dei giovani e la politica: un rapporto contrassegnato dalla vera e propria "sofferenza" ed a causa di questa palese sfiducia, in particolare amplificatasi nell'ultimo decennio, abbiamo assistito ad una grande crisi di partecipazione alle strutture politiche tradizionali.
Ci chiediamo: "Di chi è la colpa"?
E' innegabile che la gran parte dei nostri giovani abbiano smesso di seguire in maniera attiva la politica e che siano venuti a mancare i movimenti giovanili degli anni Settanta e Ottanta. Le cause sarebbero da ricercare nelle tante promesse disattese, scandali, giochi di potere che hanno generato inevitabilmente una sorta di scetticismo. Di qui, il loro rifugiarsi in un mondo parallelo all'universo giovanile fatto di una cultura "autonoma", ivi nata e cresciuta.
Sì, perché i giovani che hanno ideali politici non solo sono pochi ma neppure vengono spronati e stimolati. Il mondo politico non si preoccupa di ciò che pensano loro e non esiste un partito politico ad hoc che ne parli oppure abbia posto in essere interventi concreti in termini di policy, volti a favorire il loro ingresso nel mondo del lavoro sicché da garantirgli un futuro.
E' ovvio che la frattura e la distanza che li separa, si amplifica sempre più!
Altro fattore da considerare a dir poco "ostativo", è la larga diffusione di alcuni preconcetti, secondo cui "chi" è interessato a fare politica sarebbe fortemente condizionato da due fattori: la disponibilità di tempo e le condizioni economiche. Ed infatti, è palese e sembra proprio che la politica a grossi livelli venga fatta da chi può permetterselo e da chi ha una posizione lavorativa ben definita.
E nel caso di specie, è elevato il numero di imprenditori e liberi professionisti che si convertono alla politica.
A questo punto, ci poniamo un altro fondato quesito: "Qual è l'intervento opportuno, per ribaltare radicalmente questo modo di pensare?"
Personalmente da cittadina e soprattutto da madre è un quesito che mi pongo spesso e
ritengo che la strada da percorrere non sia tanto semplice ma ciò non vuol dire arrendersi, anzi! Occorre offrire ai nostri figli e alle nuove generazioni, una sorta di iniezioni di fiducia che ci sono e basta sic et simpliciter utilizzarle.
Dapprima occorre proporre, condividere e recuperare con loro quel senso di collettività e socialità che ormai vacilla, attraverso una sorta di riscatto culturale e di riconquista delle nostre radici e del senso del nostro stare insieme che è la ragione della nostra esistenza non solo nei periodi di crisi, come quello attuale, ma come caratterizzazione del nostro essere persona.
Se si attribuisce e si comprende la giusta valenza del proprio rapporto con gli altri e del proprio contributo nel contesto della società, si ritrova quell'ottimismo teso essenzialmente all'approccio con il mondo della politica sicché da considerarla uno strumento di aiuto alla società.
Nella maggior parte dei casi, i giovani disinteressati alla politica anziché sviluppare un pensiero proprio, sono propensi ad aderire seppur vagamente a un'idea preesistente e ciò li allontana da quella che è la tendenza allo scontro e al contraddittorio. Si potrebbe adottare questo motto: "Invece di cercare di portare i giovani alla politica, bisogna portare la politica ai giovani". Vale a dire che al posto di organizzare incontri, dibattimenti e formazioni dove si discute su un argomento politico e la partecipazione dei giovani in specie scarseggia sempre, sarebbe opportuno optare per una soluzione opposta ovvero portare il contenuto degli incontri "dai" giovani, promuovere attivamente una cultura politica della partecipazione, fare vedere loro che le loro idee vengono prese in considerazione, e garantire le risorse necessarie. .
E' sicuramente un progetto ambizioso e potrebbe contribuire in maniera pregnante e concreta a sanare quella che è oggi un'insanabile e profonda frattura tra giovani e politica, seppur a livello locale.
Pin It
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie

ULTIME NOTIZIE BREVI

Spazio disponibilie

Ammonta a 585 mila euro l'importo dei lavori di manutenzione straordinaria al ponte all'altezza del chilometro 0,150 lungo…

Giovedì 29 febbraio alle 16 nella palestra della ‘Buonarroti’, in via Felice Cavallotti 42, in programma un appuntamento…

Spazio disponibilie

A causa di una frana è stata chiusa al traffico la strada statale 665 Massese in corrispondenza del …

La circolazione veicolare è interrotta lungo la Strada Regionale 445 della Garfagnana, in località Codiponte, all'altezza del…

Spazio disponibilie

La circolazione veicolare è interrotta lungo la Strada Provinciale 20 in direzione Montedivalli nel comune di Podenzana…

Sabato 8 giugno dalle 14 alle 22 e domenica 9 giugno dalle 7 alle 23 in Italia si…

Giovedì 29 febbraio, alle 16, presso la sala conferenze di Palazzo Binelli verrà presentato il Rapporto Ecomafia 2023…

Il comune di Carrara informa che mercoledì 28 e giovedì 29 febbraio resta chiuso al pubblico l’Ufficio IMU…

Spazio disponibilie

La circolazione veicolare è interrotta lungo la Strada Provinciale 37 Pontremoli-Zeri-Sesta Godano, all'altezza del km 5 nel…

Accogliamo e pubblichiamo la lettera di un cittadino indignato per i fatti di Pisa del 23 febbraio:

Spazio disponibilie

RICERCA NEL SITO

Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie
Spazio disponibilie